Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, diversi roghi divampati nella zona del Rosciolo: scatta l’ipotesi piromane

I vigili del fuoco hanno domato gli incendi in poco tempo, i carabinieri forestali stanno effettuando delle verifiche partendo da alcune segnalazioni acquisite dai colleghi della compagnia cittadina

incendio delle sterpaglie, righi divampati tra la vegetazione, intervento dei vigili del fuoco
L'intervento dei vigili del fuoco per i roghi divampati (foto repertorio)

SENIGALLIA – Giornata da bollino rosso quella di ieri, domenica 20 giugno, non solo per le alte temperature registrate ma anche per gli interventi dei vigili del fuoco finalizzati a domare alcuni roghi divampati nella zona del Rosciolo e della Cupetta. Almeno sei gli incendi, di modeste dimensioni, scoppiati nel pomeriggio.

I primi interventi sono stati registrati intorno alle ore 15, nel pieno quindi di una afosa giornata estiva, in strada del Rosciolo, la via che da Borgo Catena porta in campagna; gli ultimi sono invece delle ore 19 di una giornata fino a quell’ora senza vento e con tanto caldo.

Si è trattato di piccoli roghi divampati tutti nella stessa zona: Rosciolo, Cupetta, Scalzadonne, Casini Soccorso, e che hanno contraddistinto tutto il pomeriggio. Sono stati domati in poco tempo dai vigili del fuoco e senza alcuna problematica, ma il fatto che siano avvenuti nella stessa zona ha fatto scattare l’allarme per la possibile responsabilità di un piromane.

Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia cittadina che hanno effettuato alcuni accertamenti e rilevato delle segnalazioni. Sono queste informazioni la base di partenza per le indagini su questi roghi divampati a Senigallia che saranno condotte dai carabinieri forestali.

Al momento non risulta accertata l’azione di una o più persone come responsabili di questi piccoli incendi che hanno costretto i vigili del fuoco a intervenire più volte, ma le verifiche sono comunque state avviate.