Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Alla riscoperta delle origini galliche: prima edizione di “Arcevia Celtica”

Quattro giorni di rievocazione di ciò che esisteva nel IV secolo a.C.: oltre a un vero villaggio gallico, visite guidate, incontri culturali, laboratori, mostre e concerti. Ecco il programma

La campagna a Montefortino di Arcevia dove, tra il 1894 e il 1899, è stata portata alla luce una delle più importanti necropoli della popolazione celtica dei Galli Senoni
La campagna a Montefortino di Arcevia dove, tra il 1894 e il 1899, è stata portata alla luce una delle più importanti necropoli della popolazione celtica dei Galli Senoni

ARCEVIA – Il paese dei dieci castelli incastonati tra i monti è prossimo a immergersi nella cultura celtica. Tutto pronto infatti per la rievocazione storica presso la necropoli celtica di Montefortino d’Arcevia, la prima edizione del festival “Arcevia Celtica” che si terrà dal 9 al 12 settembre 2021. Un evento che punta a riscoprire le origini più antiche del paese, per capire come era costruito e organizzato un villaggio gallico, per conoscere cosa mangiavano, che giochi facevano o come si curavano i celti.

L’iniziativa è stata promossa dal Comune di Arcevia, dalla Pro loco e dall’associazione culturale Montefortino che, assieme a Regione, fondazione Marche Cultura e Amat, hanno organizzato “Arcevia Celtica” proprio nella località di Montefortino d’Arcevia, dove grazie agli scavi eseguiti tra il 1894 e il 1899, venne individuata e portata alla luce una delle più importanti necropoli dei galli senoni. A Montefortino d’Arcevia furono rinvenute circa cinquanta tombe celtiche e molte di loro erano caratterizzate da un ricchissimo corredo funerario, con ornamenti preziosi in oro, argento e pasta vitrea. Armi in bronzo e ferro, oggetti per la cura del corpo, suppellettili domestiche in bronzo, ferro e ceramica. Tra gli oggetti che hanno contribuito alla fama di questa necropoli gallica è impossibile dimenticare le tre splendide Corone Auree e l’Elmo di “tipo Montefortino” così chiamato in virtù dei reperti rinvenuti in questo sito, studiati e pubblicati da Edoardo Brizio. 

Tante le “avventure” da vivere all’interno dell’evento: dal costruire uno scudo celtico, all’esercitarsi con il tiro con l’arco, dall’addestramento di un guerriero celtico fino a scoprire le caratteristiche dei villaggi o osservare i riti  funebri e le tradizioni spirituali. La manifestazione sarà accompagnata inoltre dai concerti dei Mortimer Mc Grave (venerdì 10 settembre, alle ore 21) e dei Tribal (sabato 11 ore 21), ma oltre a tutto questo sarà possibile partecipare a visite guidate, incontri culturali, laboratori per bambini e all’esposizione temporanea di suppellettili e reperti archeologici.

Nel rispetto delle attuali normative, per partecipare all’evento è obbligatorio il green pass (non richiesto per i minori di 12 anni). Ingresso al Festival gratuito, per prenotarsi QUI. Accesso al Villaggio € 5,00 a persona, gratuito fino a 14 anni. Info: +39 0731 9127  e Facebook.com/prolocoarcevia.