Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Rinnovato il cda della fondazione Città di Senigallia

A Canafoglia si affiancano altri quattro consiglieri: Bernacchia e Boccolini per la maggioranza, Castelli e Vecchioni per l'opposizione

Rinnovato il cda della Fondazione Città di Senigallia
Fondazione Città di Senigallia

SENIGALLIA – Rinnovato il cda della fondazione Città di Senigallia. Durante la seduta del consiglio comunale di giovedì 18 febbraio si è tenuta infatti la votazione dei componenti che comporranno il nuovo organismo dell’ente che gestisce la residenza protetta per anziani di via del Seminario.

Prima si è svolto il dibattito se fosse opportuno o meno rinnovare presidenza e cda della fondazione in questo momento di massima attenzione per via del covid che continua a diffondersi. Secondo l’opposizione consiliare, infatti, è merito del presidente Guzzonato e del consiglio di amministrazione uscente se attualmente il coronavirus è rimasto ancora fuori dalla struttura per anziani.

Ma per la maggioranza di centrodestra, sindaco in testa, è giunta l’ora di cambiare: dopo il ringraziamento a presidente e consiglieri uscenti e la messa ai voti, sono stati scelti questi nomi.

Per la presidenza è stato nominato l’avvocato Corrado Canafoglia, persona più che nota non solo a Senigallia per le sue battaglie sull’alluvione del 3 maggio 2014 o sul crack di Banca Marche;

assieme a lui entrano nel cda della fondazione Città di Senigallia anche Massimo Bernacchia (impiegato tecnico 45enne, proposto dalla lista La Civica) e il 69enne ex generale della Guardia di finanza Roberto Boccolini (in quota Lega) per la maggioranza.

In rappresentanza della minoranza, il Pd ha ottenuto la nomina dell’avvocato Michele Castelli che siederà nel cda della fondazione Città di Senigallia assieme a Susanna Vecchioni, la responsabile area disabilità e coordinatrice equipe multidisciplinari presso la Casa della gioventù, lanciata dalla lista civica Vola Senigallia.

A tutti loro l’augurio di buon lavoro da parte del sindaco Olivetti e dei consiglieri comunali senigalliesi.