Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Rinnovato il direttivo della sezione di Arcevia dell’Associazione Nazionale Carabinieri

Nazzareno Badiali è il nuovo presidente dell'Anc di Arcevia, nata nel 1964 come sede distaccata da Fabriano. L'appartenenza all'Arma dei Carabinieri e l'operatività per la popolazione sono i due capisaldi dell'associazione

Arcevia
Arcevia

ARCEVIA – Si sono tenute le elezioni per il rinnovo del consiglio direttivo della sezione locale dell’Associazione Nazionale Carabinieri che ha visto eleggere all’unanimità come presidente di sezione Nazzareno Badiali. Due nuovi consiglieri entrano nel direttivo.

Le votazioni si sono tenute nella frazione di sant’Apollinare di Arcevia e hanno visto nuovo entusiasmo per il mandato che durerà dal 2017 ormai agli sgoccioli fino a tutto il 2022.
Nazzareno Badiali, già sindaco di Arcevia negli anni tra il 1990 ed il 1995, ha subito proposto l’elezione a presidente onorario del Cav. Luigi Baciani (classe 1920), socio dell’Anc dal 1961, fondatore e fiduciario della sezione dal 1964 e in seguito presidente fino alla attuale elezione.

Il direttivo si comporrà anche di C.re Aus. Fabio Giovagnoli, consigliere confermato anche alla carica di segretario sezionale, e dei consiglieri Brig. Capo Fortunato Sbaffi, C.re Cesare Baldetti, C.re Aus. Alberto Bussoletti, C.re Aus. Giancarlo Cori, C.re Aus. Ugo Gentili, quest’ultimo assieme a Sbaffi al primo mandato.

La sezione – un tempo parte di quella di Fabriano – nasce nel 1964 e conta attualmente 35 soci tra effettivi e simpatizzanti; oltre a mantenere vivo tra i soci il senso di appartenenza all’Arma dei Carabinieri e le relazioni con la comunità locale, l’Associazione Nazionale Carabinieri si è prodigata per la comunità anche donando macchinari sanitari: nel 2015 di un elettrocardiografo multicanale a dodici derivazioni “Cardioline AR2100view” all’ospedale E. Profili di Fabriano; nel 2016 è stato donato all’ospedale di comunità di Arcevia un elettrocardiografo Cardioline ECG200s con innovativo software interpretativo denominato “Glasgow”.