Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Rigenerazione urbana, Trecastelli punta a 12 milioni di euro di fondi Pnrr

Il Comune è a caccia di risorse aggiuntive con le quali sbloccare interventi che la cittadinanza richiede da tempo, tra cui le riqualificazioni dei tre centri storici e l'ammodernamento degli edifici scolastici

Il municipio, a Ripe, del Comune di Trecastelli
Il municipio, a Ripe, del Comune di Trecastelli

TRECASTELLI – Rigenerazione urbana, interventi contro il dissesto idrogeologico, riqualificazione anti degrado di centri storici, edifici scolastici, strade e percorsi ciclopedonali. Sono questi i settori in cui il Comune si è mosso con la partecipazione a numerosi bandi pubblici, da cui l’amministrazione spera di ottenere risorse per oltre 12 milioni di euro. Lo conferma la stessa giunta Sebastianelli.

L’ultimo dei progetti si concentra sulla rigenerazione urbana, con un progetto che mira alla riqualificazione dei centri storici di Trecastelli, Ostra e Montecarotto grazie a una convenzione ad hoc per superare lo scoglio dei 15 mila abitanti complessivi richiesti dal bando.

Per quanto riguarda l’edilizia scolastica, ben 4,46 milioni potrebbero arrivare grazie a risorse Pnrr ed essere utilizzati per la demolizione e successiva ricostruzione della scuola Nori De’ Nobili; altra domanda è stata avanzata per ottenere un contributo da oltre 1,8 milioni di euro finalizzato alla costruzione di un nuovo plesso scolastico per la scuola dell’infanzia e per l’apertura di un nuovo asilo nido; stessa cifra per la riqualificazione della palestra della scuola nella municipalità di Monterado.

Sempre qui, invece, l’istituto scolastico è stato già oggetto di un finanziamento da Pnrr ottenuto poco tempo fa dal Comune. Arrivate risorse anche per il collegamento ciclo-pedonale Castel Colonna–Ripe e per gli interventi nei centri storici di Castel Colonna e Monterado, superando le 600 mila euro.

Ma non si ferma qui l’elenco: 477 mila euro sono stati richiesti dal Comune di Trecastelli per interventi di dissesto idrogeologico, 800 mila euro per la riqualificazione dei centri storici e 600 mila per le strade extraurbane, mentre da altri bandi Pnrr dovrebbero arrivare fondi per il potenziamento dell’isola ecologica comunale e per la realizzazione del “Centro per il Riuso”.