Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Resistenza ai carabinieri ed evasione dai domiciliari: due arresti a Senigallia

I militari della spiaggia di velluto, impegnati in controlli del territorio e delle misure cautelari, hanno fermato due uomini: si tratta di un 44enne veneto e di un 29enne jesino

I controlli dei Carabinieri a Senigallia
I controlli dei Carabinieri a Senigallia

SENIGALLIA – Sono due le persone arrestate nelle ultime ore da parte dei carabinieri del nucleo operativo e radiomobile. Diversi episodi, diversi reati contestati: uno per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, l’altro per evasione dagli arresti domiciliari.

Il primo arresto è avvenuto ieri, giovedì 4 agosto, nei confronti di un uomo classe ‘78, di origini venete: alcuni cittadini hanno segnalato la presenza di una persona sul lungomare Dante Alighieri, sdraiata a terra, che periodicamente si alzava e infastidiva i passanti. Fermato e controllato dai carabinieri, il 44enne ha iniziato a urlare e inveire nei loro confronti, per poi scagliarvisi contro e colpirli con calci e spintoni. È stato bloccato e portato in caserma, dove è stato dichiarato in arresto. 

Il secondo arrestato è un giovane classe ‘93. Recentemente era finito nei guai per maltrattamenti in famiglia: il gip di Ancona aveva disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari presso la sua abitazione a Jesi, dove doveva permanere giorno e notte. Aveva però un permesso mattutino per andare presso un esercizio pubblico di Falconara dove lavorava. Quando si sono presentati a casa, ieri, i militari non lo hanno trovato: hanno provato a cercarlo sul luogo di lavoro, ma hanno appreso che non lavorava più lì da diversi giorni. Aveva dunque approfittato del permesso per uscire di casa arbitrariamente. Una volta rintracciato è stato portato in caserma e dichiarato in arresto.