Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Rapina alle poste a Piticchio di Arcevia, ladri armati picchiano la dipendente e fuggono con il bottino

Si aggira sui 40mila euro il bottino del colpo all'ufficio postale periferico: i Carabinieri stanno cercando l'auto per la fuga, mentre la dipendente, picchiata dai due uomini, è tornata a casa dall'ospedale

carabinieri
carabinieri

ARCEVIA – Una rapina è stata messa a segno stamattina nell’ufficio postale in frazione Piticchio, dove ignoti ladri sono entrati in azione poco dopo le ore 8. Due uomini sulla quarantina, col volto incappucciato e armati uno di pistola e l’altro di coltello, dopo essersi nascosti dietro l’edificio scolastico lì vicino, si sono introdotti nell’ufficio postale appena il personale ha aperto la filiale, mentre un terzo attendeva in auto, un po’ distante.

L’irruzione è durata pochi minuti ma un tempo sufficiente per minacciare a mano armata e malmenare la dipendente, una donna di 49 anni originaria del pesarese che ha riportato alcuni traumi al volto. Con la rapina sono riusciti a radunare un bottino che dalle prime rilevazioni si aggira sui 40mila euro, dato che di lì a poco sarebbero state pagate le pensioni, poi sono scappati a piedi per alcuni metri fino all’auto che li attendeva, una Fiat Punto grigia.

Sul posto i Carabinieri di Arcevia e i colleghi di Fabriano che stanno conducendo le indagini per risalire, anche grazie alle immagini di videosorveglianza, ai responsabili della violenta rapina.
La donna portata all’ospedale di Senigallia, non in condizioni gravi, è rientrata a casa nel primo pomeriggio solo con lividi al volto ma con ancora la paura dell’aggressione subita.