Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

I Falchi della Rovere di Senigallia volano in Grecia per il progetto europeo sulla protezione civile

L'associazione protagonista in Europa grazie alle buone pratiche in caso di emergenza idrogeologica e sismica già sviluppate: nascerà un gruppo di interscambio e una "survival guide"

L'esercitazione e l'evacuazione all'istituto Corinaldesi di Senigallia
L'esercitazione e l'evacuazione all'istituto Corinaldesi di Senigallia

SENIGALLIA – Sono due le volontarie dell’associazione di protezione senigalliese “civile Falchi della Rovere” partite per la Grecia per il progetto europeo “Developing Skills in Dealing with Emergencies: Civil Protection for people”. Bruna Durazzi e Sara Mallucci sono fino a domenica 6 ottobre nella città greca di Chaidari per l’incontro conclusivo relativo alla partnership nata tra Italia, Turchia, Georgia, Grecia (paese capofila) in merito alla condivisione e analisi delle pratiche di protezione civile e soccorso alle popolazioni durante le emergenze.

Finanziato dalla Comunità Europea, il progetto ha come obiettivo la formazione e le buone pratiche e modalità operative di sicurezza a livello europeo dei membri della protezione civile al fine di ridurre l’impatto delle calamità naturali ed eventi avversi di natura antropica e di migliorare le fasi di previsione, prevenzione, allertamento, soccorso e ripristino delle normali condizioni di vita.

Un progetto europeo nato due anni fa a seguito della necessità di interscambio di tutte quelle modalità, operative ma non solo, che ogni paese ha sviluppato nei propri ambiti di competenze. L’associazione di protezione civile Falchi della Rovere di Senigallia, assieme all’ente di formazione Training 2000 di Mondavio, rappresentano tutto ciò che l’Italia ha saputo mettere in piedi in termini di organizzazione, formazione e soccorso in caso di emergenze idrogeologiche e sismiche. Nell’ottobre scorso, in occasione della visita in Italia dei rappresentanti esteri, era stata organizzata una simulazione di evacuazione e soccorso all’istituto Corinaldesi di Senigallia.

Il nuovo direttivo 2017/20 per l'associazione di protezione civile "Falchi della Rovere"
Il nuovo direttivo 2017/20 per l’associazione di protezione civile “Falchi della Rovere”

Durante l’incontro conclusivo di questi giorni, i partners si confronteranno sui risultati ottenuti dal progetto, ma soprattutto stileranno un accordo per una futura collaborazione continua con gli enti degli stati partecipanti, grazie proprio a quello scambio di competenze e conoscenze che possono migliorare i vari aspetti critici interni al sistema di protezione civile di ogni paese membro.

 

Tra i risultati pratici c’è anche la redazione di un manuale, una “survival guide“, dove ogni paese attraverso i propri rappresentanti ha apportato le sue conoscenze e stili operativi, al fine di adottare un modello operativo utile per tutti che potrà essere poi rappresentato nei vari tavoli di confronto in tutte le sedi europee.