Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Prorogata a Trecastelli la mostra con le fotografie delle profughe yazide nel kurdistan iracheno

Gli scatti realizzati nel campo profughi nel kurdistan iracheno ed esposti al museo De' Nobili raccontano frammenti di vita quotidiana

La mostra a Trecastelli "Un passo verso la rinascita"
La mostra a Trecastelli "Un passo verso la rinascita"

TRECASTELLI – Sta continuando a riscuotere consensi la mostra allestita al Villino Romualdo di Trecastelli con le fotografie delle ragazze yazide scattate nel campo profughi di Khanke, nella regione del Kurdistan iracheno. “Un passo verso la rinascita”, che doveva concludersi domenica 22 ottobre, sarà invece prorogata fino a domenica 5 novembre 2017 proprio in virtù della notevole affluenza di visitatori nelle sale del Centro Studi sulla Donna nelle Arti Visive Contemporanee.

L’esposizione ha un considerevole valore documentativo, poiché le immagini realizzate in un campo profughi del kurdistan iracheno regalano una straordinaria testimonianza di vita delle donne yazide e della loro comunità tra gesti quotidiani e sguardi speranzosi rivolti al futuro. La mostra, in precedenza esposta a Roma al MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo e all’Università degli Studi di Milano-Bicocca, è nata in seguito al progetto dell’UNICEF “Corso di tecniche fotografiche destinato a ragazze yazide”, realizzato in collaborazione con i partner locali del Research and Development Organization (RDO) e finanziato dal governo italiano. L’esposizione è promossa dal Comune di Trecastelli e dal Museo Nori De’ Nobili con la partecipazione e il patrocinio del Ministero della Difesa ed è in collaborazione con il Museo comunale d’arte moderna dell’informazione e della fotografia di Senigallia.

Gli orari. Sarà visitabile fino al 5 novembre, il martedì e sabato mattina dalle 10.30 alle 12.30 mentre il venerdì, sabato e domenica pomeriggio dalle 17 alle 19.30. L’ingresso e le visite guidate, per singole persone e gruppi, sia al museo che alla mostra, sono gratuiti.