Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Polveri sottili, in vigore a Senigallia il blocco della circolazione per i mezzi inquinanti

Il divieto di transito varrà fino a dicembre 2019 dal lunedì al venerdì nelle fasce orarie 8.30 - 12.30 e 14.30 - 18.30. Ecco i veicoli soggetti alle limitazioni e quelli esclusi

Il traffico di auto e mezzi in via Cilea a Senigallia
Il traffico di auto e mezzi in via Cilea a Senigallia

SENIGALLIA – Da pochi giorni è in vigore nel centro abitato del Comune di Senigallia il blocco della circolazione per i mezzi più inquinanti. Si tratta di una misura a carattere ambientale e salutistico che viene presa praticamente ogni anno ma questa volta vi sono delle novità contenute nell’ordinanza n° 46 del 31/01/2019.

Il Comune di Senigallia appartiene, relativamente alla classificazione del territorio regionale per la qualità dell’aria ambiente, alla zona costiera e valliva in cui vengono registrati elevati valori di PM10 e PM2,5, quelle polveri sottili e ultrafini (il particolato con diametro pari o inferiore a 10 milionesimi di metro) più pericolose e dannose per la salute delle persone.

Il fenomeno non riguarda solo Senigallia o le grandi città, né solo la costa marchigiana ma coinvolge tutto il pianeta, tanto che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che circa 7 milioni di persone muoiano ogni anno per l’esposizione a particelle fini in aria inquinata che penetrano in profondità nei polmoni e nel sistema cardiovascolare.

L’amministrazione comunale di Senigallia è ricorsa ai ripari per quanto nei suoi poteri, istituendo il divieto di transito nei centri abitati esistenti nel territorio comunale ed in tutte le altre strade comunali per alcune categorie di veicoli, in attesa di un’ordinanza prefettizia che estenda tale blocco della circolazione anche alle strade extraurbane di competenza.

Sono soggetti alle limitazioni della circolazione le autovetture diesel pre Euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3, senza filtro antiparticolato; veicoli commerciali leggeri e pesanti diesel pre euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3, senza filtro antiparticolato; trattori stradali pesanti diesel pre euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3, senza filtro antiparticolato; autobus urbani ed extraurbani diesel pre euro, Euro 1, 2 e 3, senza filtro antiparticolato; ciclomotori, motorini e scooter (sotto e sopra i 50 centimetri cubici) a due tempi pre Euro. È consentito l’utilizzo sia dei mezzi agricoli, sia delle macchine operatrici nei cantieri e nelle zone agricole o di verde pubblico e privato, ma il trasporto nel luogo di impiego deve avvenire mediante altro veicolo consentito. Ai mezzi agricoli è consentita la circolazione, in deroga al divieto, esclusivamente sulle strade comunali ricadenti fuori dai centri abitati del capoluogo e frazionali.
Sono esclusi dal divieto alcuni veicoli, come quelli del soccorso e sanitari, delle forze di polizia, mezzi del trasporto pubblico e taxi.

L’ordinanza che istituisce il divieto prevede una validità per tutto l’anno, fino al 31 dicembre 2019 nelle fasce orarie 8.30 – 12.30 e 14.30 – 18.30, dal lunedì al venerdì di ogni settimana esclusi i giorni di festività che vi ricadono.

Per maggiori informazioni: scarica l’ordinanza n.46/2019