Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Anche la Polizia in piazza a Senigallia per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Stand in piazza Roma nella mattinata di domenica 25 novembre, con poliziotti e medici che ogni giorni si trovano ad affrontare casi di violenza di genere

Violenza sulle donne (foto di repertorio)
Violenza sulle donne (foto di repertorio)

SENIGALLIA – Anche la Polizia scende in campo con iniziative in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre il 25 novembre. Per questa edizione, il personale della Polizia di Stato di Senigallia promuoverà una campagna di sensibilizzazione rivolta alle donne per i casi di violenza, dal titolo “Questo non è amore”.

Dallo stand allestito in piazza Roma verranno durante la mattinata di domenica 25 novembre distribuiti materiali informativi per le donne, potenziali vittime di violenza, ma, in generale, a tutta la cittadinanza che vorrà avere consigli e informazioni utili per orientare eventuali decisioni in presenza di casi di violenza contro le donne.

Interverranno sia poliziotti che si occupano degli interventi in occasione di fatti di violenza nonché delle relative attività di indagine, ma anche personale medico che, sotto il profilo clinico, approfondirà tutti gli aspetti che vanno valutati in occasione di casi di violenza sulle donne.

Un’iniziativa che si va ad aggiungere ai molteplici eventi promossi dal Comune di Senigallia e consultabili qui.

La campagna informativa “Questo non è amore” sarà diffusa su tutto il territorio nazionale proprio in occasione della giornata del 25 novembre scelta come data simbolo da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. L’obiettivo è di affiancare la persone offesa, maltrattata, picchiata, isolata o tormentata in ogni fase del difficile percorso di denuncia: spesso infatti l’autore di questi reati verso le donne è il marito, il fidanzato (attuale o ex) o uno della cerchia familiare contro cui viene spontaneo minimizzare e non denunciare. Questo è uno dei motivi per cui serve un’azione basata sulla cultura e sulla parità di genere per contrastare efficacemente i casi di violenza che si alimentano grazie alla volontà di sopraffare la donna.