Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Elezioni, la Lega a Senigallia si prepara per le prossime sfide 2019-2020

Domenica 7 si terrà il primo confronto tra cittadini e i referenti locali, provinciali e regionali per fare il punto sulle strategie politiche

Da sinistra Davide Da Ros, Massimo Bello, Paolo Arrigoni, Milco Mariani
Da sinistra Davide Da Ros, Massimo Bello, Paolo Arrigoni, Milco Mariani

SENIGALLIA – Prima conferenza programmatica quella che la Lega ha organizzato per domenica 7 ottobre, alle ore 10, al centro sociale Saline. Un appuntamento per dirigenti, militanti e simpatizzanti in cui non solo si tireranno le somme del percorso intrapreso finora, ma si discuterà delle proposte per rilanciare il partito a livello locale in vista dei prossimi appuntamenti elettorali del 2019 e 2020.

Entusiasta del momento che il carroccio sta vivendo è il coordinatore comunale di Senigallia e delle valli del Misa e del Nevola, Davide Da Ros, il quale è convinto che «Senigallia e la sua realtà comprensoriale possano diventare ‘punte’ di riferimento dell’azione politica della Lega in tutta la provincia e in tutta la regione».

Per farlo però, si dovranno proporre e trasmettere contenuti di qualità e spessore: ed è per questo che si terrà domenica il primo momento ufficiale, e pubblico, di confronto sul territorio. Un incontro – dal titolo “La Lega in movimento. La qualità delle proposte, il valore e la competenza dei risultati” – per ridisegnare il proprio quadro strategico di iniziative e interventi da fare nei prossimi mesi. Una serie di linee guida a livello locale e oltre in vista delle elezioni europee del 2019, delle comunali dello stesso anno, delle elezioni regionali nelle Marche nel 2020 e di quelle comunali di Senigallia sempre nel 2020.

All’incontro parteciperanno il capogruppo all’Assemblea legislativa delle Marche Sandro Zaffiri, il commissario provinciale della Lega Milco Mariani e i componenti del direttivo comunale appena nominato. Il coordinatore Davide Da Ros sarà affiancato da Claudio Piersimoni, Sergio Taccheri e Massimo Bello.
Quest’ultimo ha ufficialmente aderito alla Lega solo poco tempo fa, dopo un percorso nel MSI, poi in AN e, infine, nel PDL. Senza tessera dal 2011, «da quel momento – ha dichiarato – ho atteso che nel panorama politico nazionale si potesse costruire una vera alternativa alla sinistra e apparissero soggetti politici in grado di farlo. Credo che la Lega sia quel movimento, che possa rappresentare in sintesi questi due aspetti».