Dopo cinque anni è ancora sfida tra Carlo Manfredi e Domenico Guerra

Castelleone di Suasa al voto. Per entrambi gli schieramenti stessi candidati a sindaco del 2014: il centrosinistra prova a ricompattarsi. A breve saranno resi noti i componenti delle liste e i programmi

Domenico Guerra
Domenico Guerra

CASTELLEONE DI SUASA – Dopo cinque anni, si ripete la sfida elettorale del 2014. Sarà infatti Domenico Guerra, attuale capogruppo di minoranza in consiglio comunale, a fronteggiarsi nuovamente con il sindaco Carlo Manfredi alle prossime elezioni comunali che si terranno il 26 maggio in contemporanea con quelle europee.

Il primo cittadino uscente e candidato dall’area civica si è presentato due settimane fa con la lista “Per Castelleone”; lo sfidante alla poltrona di sindaco si presenta come candidato del centrosinistra e la sua precedente lista “Paese Verde” lascia il posto alla coalizione “Centrosinistra per Castelleone di Suasa” che si richiama marcatamente all’Ulivo e al PD, sia nei simboli che nei colori del logo.

Trasparenza, efficienza e soprattutto ascolto e dialogo con i cittadini sono i capisaldi della battaglia che Domenico Guerra lancerà durante il prossimo mese per cercare di far tornare l’attuale opposizione sui banchi della maggioranza dove sedeva fino a cinque anni fa. Nel 2014, infatti, Castelleone di Suasa aveva alle spalle anni di amministrazione di centro sinistra e il risultato fu un completo rovesciamento, non facilmente prevedibile, anche se in parte sulla scia di quel cambiamento che poi ha dato evidenti risultati un po’ in tutta Italia.

Il logo della lista "Centrosinistra per Castelleone di Suasa"
Il logo della lista “Centrosinistra per Castelleone di Suasa”

La scelta di candidare Domenico Guerra, si legge in una nota del “Centrosinistra per Castelleone di Suasa”, «nasce dall’esigenza di offrire alla comunità una proposta credibile e seria, attraverso un confronto sulle idee e sui programmi che servono a coinvolgere direttamente i cittadini nelle scelte da adottare». «Metteremo le persone al centro della nostra azione amministrativa, che sarà attenta ai più deboli, e a valorizzare i giovani».

Entrambe le liste presenteranno a breve candidati e programmi, nell’ottica – in questo le accomuna – di un rinnovamento graduale della classe politica e amministrativa per il rilancio del paese alle prese con le difficoltà tipiche dei piccoli centri.