Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Dall’ostello Uisp a un debito di oltre 400 mila euro per Senigallia

Paradisi e Rebecchini: «La nuova amministrazione dovrà mettere in mora la Uisp e tutelare i cittadini che non meritano nuove tassazioni per far fronte a tali debiti»

L'ostello Le Dune sul lungomare Da Vinci di Senigallia gestito per anni dalla Uisp
L'ostello Le Dune sul lungomare Da Vinci di Senigallia gestito per anni dalla Uisp

SENIGALLIA – Oltre 400 mila euro per occupazione abusiva di una struttura sul lungomare di proprietà del Demanio. E’ quanto dovrà pagare il Comune di Senigallia per la vicenda dell’ostello Uisp sul lungomare Da Vinci, secondo quanto riportato dai consiglieri comunali Roberto Paradisi e Luigi Rebecchini.

La storia, come ricostruito dai due esponenti di Forza Italia Civici per Senigallia, risale agli anni ‘80: «il Comune di Senigallia, nel 1984, riceveva in concessione dal demanio tutta la struttura (imponente) delle ex colonie Gil sul lungomare Da Vinci in parte adibendola a magazzini comunali». Una parte della struttura venne nel 1995 sub concessa alla Uisp e da lì nacque un ostello per i giovani. «Un alberghetto in piena regola con oltre 110 posti letto. Incassi da record per la Uisp e, soprattutto, senza spese».

«Scaduto il contratto di comodato gratuito alla Uisp – proseguono Rebecchini e Paradisi – l’Amministrazione di Senigallia, anziché riprendersi la struttura e magari ricontrattare o riconsegnarla al Demanio, la lasciava senza titolo all’organizzazione vicina al Pd, fino alla denuncia pubblica dei sottoscritti consiglieri nel 2018 e il conseguente immediato rilascio dei locali».

L’ultimo capitolo è storia recente e vede il Comune prepararsi a pagare 421 mila euro. Ma l’accusa dei due consiglieri è forte perché secondo loro si tratta di «un danno erariale evidente che il Comune di Senigallia dovrebbe far pagare proprio alla Uisp: «La nuova amministrazione dovrà necessariamente mettere in mora la Uisp e tutelare i cittadini che non meritano nuove tassazioni per far fronte a tali debiti».