Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Nuovi parcheggi sulla statale

Sono 700 i parcheggi presenti tra l'ex Sacelit-Italcementi e lo stadio. Dopo la polemica per il divieto di sosta lungo la statale adriatica nella seduta della Giunta di ieri sono stati individuati altri 64 posti auto

SENIGALLIA – La spiaggia di velluto soffre la carenza di parcheggi. E lo fa soprattutto durante i grandi eventi, quando, nonostante i parcheggi scambiatori, i posti a disposizione non sono sufficienti. Sabato, in occasione del concerto di Francesco Gabbani, la città è stata presa letteralmente d’assalto, con auto parcheggiate al centro della carreggiata fino alla prima periferia della città.

‹‹Chi parcheggia in divieto è consapevole che può prendere la multa – ricorda il sindaco Maurizio Mangialardi –. Se non viene elevata è questione di fortuna, l’infrazione commessa resta. Nulla a che fare con gli eventi, il sindaco, gli agenti della Municipale. Tra lo stadio e l’ex Sacelit-Italcementi ci sono 700 posti auto ed il centro si raggiunge a piedi, in quattro minuti. Poi, in occasione di certi eventi i parcheggi “vicini” non sono mai a sufficienza, come ovunque››.

Il provvedimento
Individuati 64 nuovi stalli per parcheggiare lungo la strada statale Adriatica. È quanto deciso dalla giunta comunale nel corso della riunione di ieri. I posti auto, attivi a giorni, saranno a pagamento con concessione della gratuità ai residenti e saranno così suddivisi: 30 in zona Saline, nel tratto da Ponte Rosso a via Tolomeo, e 34 in zona Villa Torlonia e Cesanella, da fosso della Giustizia a Strada della Marina.

‹‹Si tratta di una risposta – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – alle esigenze di turisti e visitatori, ma soprattutto dei residenti lungo la statale Adriatica. I posti auto sono stati individuati in base alle prescrizioni previste dal codice della strada, che a determinate condizioni ne consente la realizzazione. L’obiettivo è garantire i necessari parcheggi, ma sempre nel pieno rispetto delle norme e della sicurezza di tutti i cittadini››.