La nuova piazza Simoncelli costerà 1,4 milioni di euro. La giunta cerca finanziamenti

L'area usata come parcheggio e zona di mercato diverrà completamente pedonale: avrà un forte richiamo storico al ghetto ebraico presente tra '600 e '800 ma dovrà essere finanziato con fondi sovracomunali che al momento non si trovano

Piazza Simoncelli a Senigallia
Piazza Simoncelli a Senigallia

SENIGALLIA – Sono stati approvati dalla giunta comunale il progetto per la nuova piazza Simoncelli, una delle ultime piazze rimaste carrabili all’interno del centro storico senigalliese e, cosa ancora più importante, il piano delle opere pubbliche per il 2020 che ne permetterà il finanziamento prima e la realizzazione poi. La riqualificazione dell’importante area – dove si svolge anche una parte del mercato cittadino – costerà ben oltre un milione di euro. Nonostante la rigenerazione urbana di pregio prevista, l’idea che si perderà l’attuale parcheggio ha già diviso la città tra favorevoli e contrari.

Il progetto prevede infatti la completa pedonalizzazione della piazza situata tra i Portici Ercolani, piazza del Duca e piazza Roma; il rifacimento della pavimentazione con disegni che dovrebbero riprendere i pavimenti delle vecchie abitazioni circostanti; il recupero della storicità dell’area che dal ‘600 a metà ‘800 ospitava il ghetto ebraico attraverso simboli come la fonte giudea – un pozzo per l’acqua – contornata da una stella di Davide; un muretto formerà una lunga panchina per accogliere le persone, mentre a far da cornice all’area ci saranno nuovi alberi che andranno a sostituire le piante esistenti.

La delibera di giunta n. 248 di novembre 2019 è stata votata all’unanimità dagli assessori: il progetto di piazza Simoncelli è stato successivamente inserito nel programma delle opere pubbliche 2020. Ma all’entusiasmo degli amministratori non sempre segue quello di tutti i cittadini.

Le polemiche sono piovute per la carenza di parcheggi in centro storico. Secondo il presidente della sezione senigalliese di Italia Nostra, prof. Virginio Villani, il progetto per piazza Simoncelli renderebbe più acuto «il deficit di aree di sosta, con il rischio di aggravare la situazione sia per i residenti che per i commercianti e ristoratori». Sui social il dibattito è molto più “nervoso”: molti cittadini convengono che le aree di sosta previste nei pressi del centro di Senigallia non sarebbero utili né comode, ferme restando però le possibilità di entrare nella ztl per residenti, commercianti, persone con disabilità e quanti hanno problemi di deambulazione. L’amministrazione, dal canto suo, ha sempre incentivato l’uso non del mezzo privato ma dei mezzi pubblici e della mobilità sostenibile, cercando comunque di prevedere un adeguato numero di stalli per la sosta delle auto “a corona” rispetto al centro storico, in modo che in pochi minuti, anche a piedi, si possa essere praticamente ovunque.

Di certo anche il costo per la nuova piazza Simoncelli non aiuta a placare i pareri contrari. Dalle indicazioni e dalle stime dell’architetto Luca Berluti che ha redatto il progetto in collaborazione con gli uffici comunali, il costo dell’intervento si aggira sulla cifra complessiva di 1,4 milioni di euro, così ripartiti: i lavori in sé costeranno 940 mila euro, a cui vanno aggiunte l’iva (206 mila euro), 94 mila euro per spese tecniche, l’acquisto degli arredi (20 mila euro) e una somma accantonata per gli imprevisti di 60 mila euro. L’ultima voce riguarda altri interventi non compresi nell’attuale appalto per 80 mila euro.
La notizia positiva è che la giunta non intende indebitarsi per procedere ai lavori; quella negativa è che, pur avendola messa nel piano delle opere pubbliche del prossimo anno, non ha ancora trovato adeguate risorse sovracomunali per finanziare la rinascita di piazza Simoncelli.