Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, i negozi nei centri commerciali protestano contro le scelte imposte dal governo

Serrande abbassate per manifestare contro una decisione che continua a penalizzare alcune attività chiuse nei giorni in cui si fattura di più

negozi, commercio, spesa, acquisti, saldi

SENIGALLIA – Anche nei centri commerciali della città si protesterà nei prossimi giorni contro la chiusura delle attività imposta durante il weekend. Le continue riaperture delle altre attività, inoltre, rendono ancora meno digeribile la decisione di tenere abbassate le serrande dei negozi nei centri commerciali proprio durante il fine settimana. E proprio per questo scatta la protesta.

Anche a Senigallia dunque molti negozi aderiranno all’iniziativa per manifestare in maniera pacifica contro la perdurante decisione di tenere i negozi chiusi. Sarà martedì prossimo il giorno in cui le serrande verranno tenute abbassate in maniera simbolica.

A spiegarlo è il presidente di Confcommercio Marche centrali, Giacomo Bramucci. Tra i nodi da sciogliere c’è innanzitutto quello che viene definito un accanimento contro le attività all’interno dei centri commerciali: un atteggiamento che crea disparità con la progressiva riapertura di tanti altri esercizi.

C’è poi tutta la partita del rispetto delle norme anti covid: alcune realtà hanno dimostrato una maggiore osservanza di regole e protocolli, il che fa mal digerire questa scelta che resta quasi incomprensibile e che azzera i guadagni dei giorni infrasettimanali.

L’ultimo nodo da sciogliere è la tempistica: quasi tutti gli esercizi chiusi hanno avuto una sorta di orizzonte temporale di riferimento per la riapertura, mentre per i negozi all’interno dei centri commerciali ancora non c’è.