Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Cristian Gabarrini ancora in MotoGP come ingegnere di Francesco Bagnaia

Supervisore tecnico e responsabile prima alla Ducati poi alla Honda e ancora in Ducati per campioni come Casey Stoner e Jorge Lorenzo, assisterà in questa stagione il talento torinese

Da sinistra: Attilio Ruggeri, Cristian Gabarrini, Silvano Bartozzi, Renzo Rocchetti e Gennaro Campanile durante la festa del Motoclub Senigallia per il nuovo socio "vip"
Da sinistra: Attilio Ruggeri, Cristian Gabarrini, Silvano Bartozzi, Renzo Rocchetti e Gennaro Campanile durante la festa del Motoclub Senigallia per il nuovo socio "vip"

SENIGALLIA – Prima Casey Stoner, poi Jorge Lorenzo e ora Francesco Bagnaia. Continua l’avventura in MotoGP per Cristian Gabarrini. Dopo anni di successi con i massimi campioni mondiali, è iniziata qualche giorno la nuova sfida per il tecnico senigalliese.

Capo tecnico e responsabile della messa a punto della moto dei grandi campioni prima in Ducati poi in Honda e infine di nuovo in Ducati, Cristian Gabarrini seguirà l’esordio in MotoGP di Bagnaia, giovane talento torinese di appena 22 anni che si è fatto notare fin dal 2013 in Moto3. L’anno scorso è arrivata la vittoria del mondiale in Moto2, ma la gara d’inizio di questa nuova avventura non è andata bene, dato che Bagnaia è stato costretto al ritiro.

Cristian Gabarrini, ingegnere supervisore tecnico con le più importanti case motociclistiche come Honda e Ducati, era stato premiato nel 2011 dal Comune di Senigallia a seguito della vittoria di Stoner al motomondiale e festeggiato anche come nuovo socio del Motoclub Senigallia a cui aderì nel 2013 (nella FOTO la festa di allora).