Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Montemarciano, diminuiscono i casi di Covid nella residenza protetta

L'amministrazione comunale rende nota la situazione all'interno della struttura per anziani G.B. Marotti, in deciso miglioramento. Il sindaco: «Grazie alla professionalità mostrata si è riusciti a gestire nel migliore dei modi l’emergenza»

La casa di riposo per anziani "G.B. Marotti" a Montemarciano
La casa di riposo per anziani "G.B. Marotti" a Montemarciano. Foto: Streetview

MONTEMARCIANO – Effettuati i tamponi agli ospiti e a tutto il personale della residenza protetta per anziani “G.B. Marotti” di Montemarciano, è la volta dei risultati. Esiti che l’amministrazione comunale, con in testa il sindaco Damiano Bartozzi, ha voluto rendere noti attraverso il proprio canale social istituzionale, sottolineando quanto siano confortanti soprattutto se confrontati con la situazione Covid di un mese fa.

Nella giornata di lunedì 27 aprile sono pervenuti i risultati dei tamponi eseguiti quattro giorni prima, giovedì 23. Dei 15 ospiti ancora presenti in struttura e positivi al Covid-19, ben 10 ora sono negativi, così come negativo è emerso essere tutto il personale che opera nella residenza protetta, 17 persone in totale.

Un quadro che fa ben sperare, soprattutto se si ricorda che, dopo i primi contagi, la situazione della residenza protetta Marotti di Montemarciano era molto seria con 23 positivi – di cui quattro poi deceduti – su 25 ospiti. Ora lo scenario è profondamente cambiato: in struttura sono dunque presenti solo cinque persone positive al coronavirus che verranno sottoposte nuovamente al tampone per la conferma della diagnosi di Covid-19 entro la settimana.

«Alla luce della nuova situazione relativa al contagio – fanno sapere dal Comune – l’amministrazione e personale medico stanno organizzando la logistica della struttura in maniera tale da separare adeguatamente coloro che risultano ancora positivi dagli ospiti ora risultati negativi. Inoltre, se la situazione attuale sarà confermata dai nuovi test, si provvederà a predisporre il rientro di due degli ospiti che sono attualmente ricoverati presso strutture ospedaliere e che risultano guariti».

Dal sindaco e dalla giunta sono arrivati poi i ringraziamenti al personale interno ed esterno della residenza Marotti: «Grazie alla professionalità mostrata si è riusciti a gestire nel migliore dei modi l’emergenza creatasi e ridurla sensibilmente nell’arco di poche settimane».