Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

M’illumino di meno, le iniziative nella vallata senigalliese

Si va dallo spegnimento delle luci che illuminano i monumenti ai consigli per stili di vita sostenibili: ecco un decalogo

pannelli fotovoltaici, energia elettrica, risparmio energetico, energie rinnovabili

SENIGALLIA – Anche quest’anno i comuni della vallata Misa e Nevola aderiscono alla campagna “M’illumino di meno” promossa da Rai Radio 2 per il risparmio energetico e per diffondere stili di vita ecosostenibili. Una manifestazione che nel senigalliese è stata “adottata” più volte data la presenza proprio nella spiaggia di velluto del CaterRaduno, quest’anno più in bilico che mai. Nel frattempo, l’iniziativa figlia della trasmissione radiofonica Caterpillar verrà portata avanti per la giornata di domani, 11 marzo, da alcuni comuni della zona.

Diverse le iniziative simboliche come lo spegnimento di alcuni monumenti: a Corinaldo verrà spenta la torre del palazzo comunale, a Ostra Vetere toccherà alla cupola della chiesa di santa Maria di piazza e al campanile rimanere senza illuminazione, domani sera e per tutta la notte che seguirà; a Senigallia la giunta ha deciso di lasciare spenti per l’11 marzo la rotonda a Mare, porta Lambertina, l’ex pescheria del Foro Annonario, palazzetto Baviera, piazza Roma e il municipio e piazza Garibaldi, allo scopo di sensibilizzare le persone al risparmio energetico. A Castelleone di Suasa si spengono le luci della piazza, mentre nelle scuole si piantumeranno nuovi alberi.

Una delle magliette per "M'illumino di meno" realizzate dagli studenti di Ostra
Una delle magliette per “M’illumino di meno” realizzate dagli studenti di Ostra

A Ostra l’iniziativa è partita dai bambini della scuola primaria Morganti in frazione Pianello che hanno pensato a un gesto semplice, quello di una candela sul davanzale, che è stata poi estesa prima a tutti gli alunni dell’istituto comprensivo di Ostra e Barbara e infine, tramite la sindaca Federica Fanesi, a tutta la cittadinanza. La proposta è di spegnere le luci, mettere un vasetto con un cuore rosso dipinto e un lumino acceso sul davanzale, domani sera dalle 20 in poi: cuori accesi per la pace. È nata così “M’ illumino di meno, m’ illumino di pace”, un’iniziativa che coinvolgerà anche il palazzo comunale la cui gradinata rimarrà a lampioni spenti, sostituiti dai vasetti fatti dai bambini. I ragazzi delle scuole secondarie di primo grado invece andranno a scuola a piedi, con magliette personalizzate che riportano i messaggi di sostenibilità diffusi da “M’illumino di meno”. Meno simbolico il gesto dell’amministrazione comunale che sta per terminare in questa settimana la sostituzione – grazie a un finanziamento statale – delle 230 lampade per l’illuminazione pubblica del centro storico con moderni led. «Si tratta di un intervento che l’amministrazione – spiega Fanesi – ha scelto di fare proprio nell’ottica del contenimento dei consumi e dei costi dell’energia elettrica: ci consentirà un risparmio di circa il 40% di energia elettrica e quindi un significativo contenimento della spesa nel bilancio comunale».

C’è chi invece si dedica alla diffusione di alcuni consigli pratici per diminuire l’impatto energetico e ambientale delle nostre abitudini. Campagna social per Trecastelli, dove verranno diffuse immagini di iniziative volte al risparmio e energetico e alla tutela ambientale: «Semplici iniziative – ha detto il sindaco Marco Sebastianelli – che comunque fanno la differenza se fatte da tutti». Sempre a tal proposito, l’amministrazione comunale di Serra de’ Conti si sta mettendo in mostra per aver iniziato a parlare alla propria comunità di stili di vita più sostenibili tramite l’adozione di semplici accorgimenti che ognuno di noi può mettere in pratica. «L’idea è che ogni singola persona, nel suo piccolo, possa contribuire con un gesto al risparmio energetico ed alla diminuzione dell’impatto ambientale» spiega la sindaca del Comune serrano Letizia Perticaroli.

Nasce da qui la volontà di pubblicare sui canali social istituzionali una sorta di decalogo per uno stile di vita sostenibile ed il risparmio energetico in cui trova spazio lo spegnimento delle luci quando non servono, così come dei led per lo stand-by degli apparecchi elettronici; lo sbrinamento frequente del frigorifero e il distanziamento della serpentina dal muro per far circolare l’aria; il consiglio di mettere i coperchi sulle pentole per far bollire l’acqua, evitando che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola stessa. E ancora: ridurre gli spifferi delle finestre o delle porte per poter evitare dispersione di calore e consumare di più per riscaldare l’abitazione; ridurre il consumo di acqua applicando il rompigetto ai rubinetti; evitare lo spreco alimentare facendo una spesa oculata; differenziare i rifiuti correttamente; riutilizzare gli oggetti; usare meno l’auto quando possibile preferendo l’uso di mezzi pubblici od oggetti alternativi come la bicicletta; piantumare essenze arboree per mitigare il riscaldamento climatico globale.