Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Il sindaco di Senigallia in visita alla sede operativa della Croce Rossa

Il primo cittadino Maurizio Mangialardi è stato accompagnato nei nuovi locali in zona Cesano dal presidente del comitato locale Marco Mazzanti e da alcuni volontari

Marco Mazzanti e Maurizio Mangialardi
Marco Mazzanti e Maurizio Mangialardi

SENIGALLIA – Visita del sindaco Maurizio Mangialardi nella nuova sede operativa della Croce rossa italiana, al Cesano di Senigallia. L’iniziativa è stata presa lunedì mattina, 13 gennaio, pochi giorni prima dell’inaugurazione dei nuovi locali che si terrà il prossimo sabato. Locali, come già riportato da CentroPagina in anteprima, adeguati alle crescenti esigenze di un comitato che svolge molteplici servizi rivolti alla popolazione senigalliese e delle vallate del Misa e Nevola.

«La sede di via Narente andava un po’ stretta – ha spiegato il presidente del comitato locale di Croce Rossa, Marco Mazzanti – e anche la posizione creava alcuni disagi ai residenti del posto che ci hanno sempre accolto con molta disponibilità. La struttura nuova sarà punto di riferimento per le attività operative mentre la sede in centro storico rimarrà a ospitare gli uffici amministrativi e legali oltre ad alcuni servizi come lo sportello alimentare. Se lo avessimo spostato al Cesano, avremmo causato un disagio agli utenti che si rivolgono alla Croce Rossa».

Nella nuova sede di Cesano, che dovrà attendere alcune settimane almeno per l’accreditamento da parte della commissione regionale, verranno nel frattempo trasferite alcune funzioni, come per esempio le segreterie, il magazzino e deposito materiali e le attività relative alla formazione e alla gestione del comitato locale. Più avanti, con l’accreditamento regionale, verranno spostate anche le ambulanze.

Visita del sindaco Mangialardi alla nuova sede operativa della Croce Rossa di Senigallia
Visita del sindaco Mangialardi alla nuova sede operativa della Croce Rossa di Senigallia

Un passo molto importante, ha continuato il presidente Mazzanti, che ha comportato anche «un notevole investimento economico per il comitato di Senigallia della Cri per avere una sede più ampia, agevole, completamente accessibile dalle persone con ridotta mobilità e con un occhio al risparmio energetico grazie ai sensori di movimento». Ampio anche il garage, che potrà ospitare fino a 9 mezzi tra ambulanze, mezzi sanitari e furgoni per il trasporto delle persone, e l’area esterna, che offre anche uno spazio per le esercitazioni per il continuo aggiornamento dei volontari.

Si è dimostrato contento del nuovo passo anche il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi che ha visitato i locali per la prima volta. Il primo cittadino ha ricordato che da quasi 30 anni si parlava di una nuova sede e che questo rappresenta un grande passo per la comunità, oltre che per il comitato locale di Cri.
«Sarà una nuova eccellenza – ha affermato Mangialardi – più funzionale: un gran bel segnale per una società che si sta trasformando con un investimento che ha fatto nascere una sede moderna e adeguata alle esigenze sempre in aumento. Alla Croce Rossa di Senigallia va il plauso dell’amministrazione comunale e mio personale che ho sempre sentito vicini i volontari, uomini e donne professionali e capaci, che rappresentano oggi un tassello importante per i servizi sanitari nella comunità».

La presentazione della nuova sede della Croce Rossa di Senigallia al sindaco Mangialardi
I nuovi locali della Croce Rossa di Senigallia
Marco Mazzanti e Maurizio Mangialardi
Visita del sindaco Mangialardi alla nuova sede operativa della Croce Rossa di Senigallia
Marco Mazzanti e Maurizio Mangialardi

Sabato 18, alle ore 15:30 si terrà la cerimonia di inaugurazione, con l’intervento delle autorità locali, provinciali e regionali. Il giorno dopo, domenica 19 gennaio porte aperte della sede al Cesano dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 per illustrare le migliorie alla popolazione senigalliese. Tutto questo in attesa che il comitato locale della Croce Rossa Italiana – circa 400 soci volontari con un rinnovato impegno da parte dei giovani – scelga i nuovi vertici a metà febbraio.