Anche l’amico Piero Fassino al funerale di Bugatti

L'intellettuale è morto domenica 3 marzo a causa di una crisi respiratoria. È stato presidente del Musinf, docente di materie giuridiche ed economiche e scrittore. Questa mattina la cerimonia funebre nel duomo di Senigallia. Tra i presenti il governatore delle Marche e l'ex sindaco di Torino e già presidente dell'Anci nazionale che ha voluto ricordarlo durante il rito

SENIGALLIA – La bara di legno scuro, ricoperta da un mazzo di rose rosse, ha fatto il suo ingresso in cattedrale seguita dagli amici di Carlo Emanuele Bugatti, il professore, intellettuale e fondatore del Musinf che domenica sera è deceduto a causa di una crisi respiratoria.

Oggi, martedì 5 marzo, avrebbe compiuto 76 anni. Ad officiare la cerimonia funebre, don Paolo Gasperini. Il professor Bugatti è stato ricordato dal sindaco Mangialrdi: «Siamo quelli che lasciamo agli altri – ha ricordato – Oggi raccogliamo la sua eredità. Carlo è stato un maestro, ma insieme a Silvana (la compagna, la senatrice Amati ndr) un grande amico».

Dopo Mangialardi a ricordarlo è stato anche l’amico Piero Fassino: «Abbiamo la responsabilità di non disperdere questo patrimonio che ci ha lasciato e di renderlo fecondo – ha dichiarato il politico – Era un uomo mite di straordinaria e profonda cultura che trasmetteva in modo naturale senza arroganza».
Sull’altare, per un ricordo, anche l’ex assessore alla cultura Stefano Schiavoni.

Alcune immagini della cerimonia funebre

Al funerale anche il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli. Al termine della cerimonia la salma è stata accompagnata fino all’ingresso del Musinf, il museo fondato e fortemente voluto dallo stesso Bugatti.