Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Lupi nel senigalliese, seconda segnalazione di attacchi al bestiame

Secondo caso di allevamento di ovini attaccato dagli animali selvatici in zona Grottino, prima era toccato al bestiame che pascolava a Morro d'Alba

lupi, animali selvatici, attacchi

SENIGALLIA – Altra segnalazione di lupi nei pressi delle frazioni di Senigallia. È quella partita da un allevatore in zona Grottino, a pochi chilometri dal comune di Morro d’Alba, dove decine di pecore sarebbero state uccise secondo l’imprenditore dai lupi. Non è il primo caso nel senigalliese: a giugno scorso nella zona poco più a sud verso Morro d’Alba, un altro allevamento era stato attaccato pur in presenza del pastore.

L’ultimo allevamento finito nel mirino degli animali selvatici tra giovedì e sabato scorsi è posizionato in via del Grottino: il titolare ha segnalato ai carabinieri forestali l’uccisione di diversi ovini nel terreno adiacente la sua abitazione, lungo la provinciale Sirolo-Senigallia, e ha chiesto informazioni anche per la questione del risarcimento. Dei lupi però non è stata registrata la presenza, non più almeno.

La precedente comunicazione sui lupi in zona risale a giugno scorso: riguarda un allevamento nel comune di Morro d’Alba in via del Mare, la strada provinciale che porta proprio al Grottino di Senigallia, dove c’è invece la sede legale dell’impresa. A segnalare i lupi all’interno del pascolo nonostante la presenza del pastore è stata la moglie che, preoccupata, ha allertato i carabinieri forestali. Del caso poi si è occupato il personale provinciale.

I due allevatori sono parenti e abitano nello stesso edificio in via del Grottino, dove c’è anche la rivendita dei formaggi e dei prodotti caseari. Ora, dopo la doppia segnalazione sulla presenza dei lupi così a ridosso della frazione Grottino, in zona aumenta la paura: in entrambi i casi sono stati denunciati danni provocati con gli attacchi al bestiame.