Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Lavoro nero, tre bar e ristoranti di Senigallia nei guai

I controlli di Ferragosto da parte dell'ispettorato del lavoro di Ancona hanno fatto emergere alcune situazioni irregolari nel settore della ristorazione: scatta la sospensione dell’attività imprenditoriale

SENIGALLIA – Sono tre i bar e ristoranti di Senigallia finiti nei guai dopo i controlli di ferragosto da parte dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Ancona. Pubblici esercizi che, a vario titolo, impiegavano personale in nero e in un caso, anche minorenne. Ma irregolarità sono state riscontrate anche in materia di retribuzione.

I controlli, parte di un’attività svolta su tutto il territorio italiano, sono scattati nella giornata festiva di domenica 15 agosto lungo alcuni esercizi e stabilimenti balneari della spiaggia di velluto. Otto gli accessi ispettivi con tre aziende risultate irregolari, praticamente una su tre.

Per due delle tre aziende risultate irregolari, è scattata la sospensione dell’attività imprenditoriale perché i lavoratori in nero trovati al lavoro erano in percentuale superiore al 20% dei lavoratori presenti, più di uno su cinque. In una di queste due realtà senigalliesi, inoltre,  la cui attività è stata immediatamente sospesa, operavano due minori.

Violazioni sono state rilevate anche in merito all’obbligo di tracciabilità della retribuzione perché i lavoratori hanno dichiarato di percepire pagamenti in contanti dal datore di lavoro, a fronte dell’obbligo di legge di pagamento tracciabile delle retribuzioni in vigore dal luglio 2018.

Le possibili sanzioni amministrative ammontano a oltre 60 mila euro ma un quadro ancora peggiore potrebbe emergere: l’Ispettorato territoriale del lavoro di Ancona sta ancora completando gli accertamenti.