Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

La Bizzarri spa domani approda in aula

Un'interrogazione a risposta scritta sarà presentata in aula domani dal consigliere regionale del PD Enzo Giancarli, per discutere la difficile situazione della Bizzarri Spa. Una realtà produttiva importante per molti comuni dell'hinterland

Bizzarri spa

CORINALDO- Il consigliere regionale del Pd, Enzo Giancarli discuterà domani in aula un’interrogazione a risposta immediata sulla situazione della Bizzarri S.p.a, azienda di Corinaldo che conta 100 lavoratori oltre a quelli dell’indotto. È la seconda crisi attraversata dall’azienda, dopo quella di tre anni fa, superata grazie alla determinazione dei lavoratori, dei sindacati e delle organizzazioni datoriali, nonché grazie all’impegno delle istituzioni. Ora le nuove difficoltà che rischiano di mettere in discussione nuovamente i posti di lavoro: si parla infatti di mobilità e licenziamenti.

«Le istituzioni devono intervenire – aggiunge ancora Giancarli – perché l’eventuale perdita della Bizzarri sarebbe un ulteriore colpo al tessuto produttivo del territorio che non possiamo permettere. So che ci sono stati già dei momenti di confronto tra la Regione e l’azienda, per questo chiedo all’assessore regionale al Lavoro se ci sono novità ed anche di convocare al più presto un nuovo incontro».

L’interrogazione
«È necessario che entro questa settimana, o al massimo entro il 20 luglio, l’assessorato convochi tutti i soggetti interessati – afferma il consigliere –, dai lavoratori all’azienda, dalle organizzazioni sindacali a Confindustria, per individuare una soluzione immediata volta a scongiurare il rischio di una chiusura. La Bizzarri Spa di Corinaldo – sottolinea Giancarli – è una realtà produttiva molto importante per l’economia locale, in particolare per i comuni di Corinaldo, Castelleone di Suasa, Osta Vetere e Barbara. Gli occupati nell’azienda che produce mobili sono oltre cento e raddoppiano con l’indotto».