Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Isole ecologiche sulla spiaggia di velluto di Senigallia

Installati i contenitori per i rifiuti in oltre 40 punti lungo l'arenile. Lo scopo è incentivare la raccolta differenziata. L'anno prossimo saranno più del doppio

Raccolta differenziata al mare: le nuove isole ecologiche sulla spiaggia di velluto di Senigallia
Raccolta differenziata al mare: le nuove isole ecologiche sulla spiaggia di velluto di Senigallia

SENIGALLIA – Isole ecologiche sulla spiaggia di velluto. L’iniziativa è dell’amministrazione comunale senigalliese che farà installare 41 isole ecologiche, contenitori per differenziare i rifiuti, munite di portasigarette per evitare che anche il rifiuto più piccolo, come i mozziconi, possa finire prima sulla spiaggia e poi in mare.

Entro l’estate 2022, poi, le isole ecologiche saliranno a circa 100 come anticipato dall’assessore all’ambiente Elena Campagnolo, in modo da avere praticamente ogni 150 metri circa i tre bidoni per plastica (giallo), vetro (verde), rifiuti indifferenziabili (grigio) e il cestino per i mozziconi, ben riconoscibile perché a forma di sigaretta. In futuro, poi, verranno cambiati anche i cestini in città e nei parchi, ma non avverrà nell’immediato.

«Differenziare si può e dipende da noi – ha commentato il sindaco di Senigallia Massimo Olivetti annunciando l’operazione – Abbiamo fatto un restyling con 180 nuovi cartelli in spiaggia e predisposto 41 isole ecologiche». Assieme infatti ai contenitori per la raccolta differenziata al mare, l’amministrazione ha proceduto anche alla sistemazione di nuovi cartelli informativi rivolti ai bagnanti. Vi sono impresse le regole per l’utilizzo dell’arenile.

I cartelli informativi sulla spiaggia di velluto di Senigallia
I cartelli informativi sulla spiaggia di velluto di Senigallia

Oltre a illustrare il conferimento della bandiera blu d’Europa, sia per il lido che per l’approdo turistico, i 180 cartelli spiegano che nelle spiagge libere non è presente il servizio di salvataggio e questa informazione è riportata in quattro lingue: oltre all’italiano, anche in inglese, francese, tedesco. Un avviso importante perché tutti siano consapevoli.
C’è anche spiegato che i bagnanti potranno usufruire dei gazebo, allestiti a breve, per il rimessaggio delle proprie attrezzature (sdraio, ombrelloni, basamenti, ecc) che dovranno quindi, dopo il tramonto, essere rimosse dalla spiaggia per lasciarla libera.
I cartelli riportano infine anche che i cani non possono essere portati in spiaggia nei mesi di maggio, giugno, luglio, agosto e settembre. Passata la stagione turistica e balneare, dal 1° ottobre l’arenile sarà a disposizione come sempre anche degli animali da affezione che hanno per l’estate anche tre strutture balneari riservate.