Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Irene Grandi incanta il pubblico al sorgere del sole

Lo spettacolo della cantante toscana non delude le aspettative: in tantissimi si sono riversati in piazza della Libertà e in mare per ascoltare i successi in occasione del primo concerto del CaterRaduno

Irene Grandi a Senigallia durante il concerto per il CaterRaduno

SENIGALLIA – Talento, energia e tanti sorrisi, Irene Grandi ha scaldato il pubblico del CaterRaduno nel primo concerto di questa scoppiettante edizione.

Una festa iniziata nelle primissime ore del mattino, di oggi, venerdì 30 giugno, sul pontile della Rotonda, davanti a migliaia di fan che non si sono lasciati intimorire dall’orario insolito. Durante la diretta radiofonica, alcuni turisti hanno addirittura ammesso ai microfoni di Caterpillar di aver passato buona parte della nottata in spiaggia pur di assistere al concerto in prima fila.

Uno scenario davvero suggestivo con un pubblico numeroso e variegato, collocato in ogni angolo di spiaggia disponibile, molti addirittura hanno preferito andare in acqua pur di ascoltare i brani della celebre cantante toscana.

“Bruci la città”, “La Cometa di Halley”, “Se mi vuoi” sono solo alcuni dei successi proposti da Irene Grandi in questa mattinata davvero speciale in diretta radiofonica grazie a RadioDue.

«Mi avete regalato tanta energia – afferma Irene Grandi davanti al pubblico di Senigallia – pensate che bello se tutti i concerti fossero così, è un’atmosfera incredibile, un’esperienza davvero unica».

Nonostante l’orario decisamente particolare per un concerto, molti senigalliesi si sono fermati nella spiaggia antistante Piazza della Libertà prima di andare al lavoro per ascoltare le melodie della Grandi, tra il pubblico anche alcuni turisti che si sono gustati questo concerto live dai balconi degli alberghi.

Una distesa incredibile di biciclette disposta più o meno ordinatamente rende l’idea del gran numero di spettatori presenti all’evento.

Stasera sarà la volta di Max Gazzè per un CaterRaduno che entra sempre più nel vivo.