Inchiesta Corinaldo, l’opposizione consiliare chiede aggiornamenti

Il capogruppo Galeotti chiede che venga resa edotta l'assemblea consiliare e quindi tutta la comunità corinaldese sugli ultimi sviluppi della tragica vicenda

Il sopralluogo alla Lanterna Azzurra di Corinaldo
Il sopralluogo alla Lanterna Azzurra di Corinaldo

CORINALDO – Dopo la svolta nelle indagini sulla tragedia alla Lanterna Azzurra, l’opposizione consiliare chiede aggiornamenti da discutere in consiglio comunale. La richiesta arriva dal gruppo “In Movimento – Corinaldo c’é” e fa seguito a una promessa da parte dello stesso primo cittadino di tenere informata l’assise civica corinaldese.

Una prima convocazione del Consiglio comunale corinaldese ci fu il 20 dicembre scorso, sempre su richiesta dell’opposizione. Nei mesi scorsi c’è stato solo un incontro informale della prima commissione consiliare (composta dal capogruppo di maggioranza e di minoranza del consiglio comunale) richiesto dal sindaco Matteo Principi al quale partecipò il capogruppo di minoranza Luciano Galeotti ma non quello di maggioranza Giacomo Anibaldi. Poi più nulla sui tragici fatti della Lanterna Azzurra.

Lo stesso Galeotti ha oggi richiesto una nuova convocazione del Consiglio comunale in seduta straordinaria, per «rendere edotta l’assemblea, che rappresenta la comunità corinaldese, al riguardo degli ultimi sviluppi occorsi nella vicenda della “strage della Lanterna Azzurra”». Si tratta proprio di quelli emersi nelle ultime ore, che prendono in considerazione la posizione dei componenti della Commissione territoriale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo, tra cui compaiono il sindaco Principi e numerosi tecnici e funzionari di vari enti pubblici, responsabili delle autorizzazioni relative alla Lanterna Azzurra.