Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, in consiglio comunale si parla della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki

Oltre al conferimento al ricercatore egiziano incarcerato un anno fa, si discuterà anche dell'interruzione volontaria di gravidanza e delle nomine politiche nelle varie consulte cittadine e all'ex Irab

Il municipio di Senigallia in piazza Roma
Il municipio di Senigallia in piazza Roma

SENIGALLIA – Una raffica di nomine dei rappresentanti consiliari nelle varie consulte e realtà cittadine e poi la discussione di varie mozioni sui diritti civili, tra cui la cittadinanza onoraria a Patrick Zaki, l’interruzione volontaria di gravidanza e l’adesione al progetto Bandiera Lilla. Questo, in estrema sintesi, il contenuto politico del prossimo consiglio comunale senigalliese che si terrà giovedì 18 febbraio.

I lavori inizieranno alle ore 15 con le consuete interrogazioni, che stavolta sono sette. Si  discuterà del progetto di finanza per lo stadio Bianchelli grazie agli atti di Lorenzo Beccaceci ( Vivi Senigallia) e Gennaro Campanile (Amo Senigallia); del laboratorio analisi dell’ospedale di Senigallia come richiesto dalla vicepresidente Margherita Angeletti (Pd); del confronto tra Comune e associazioni ambientaliste (Dario Romano e Chantal Bomprezzi – Pd). E ancora: in aula si parlerà del riconoscimento “Spiga Verde” (Ludovica Giuliani – Pd); delle dimissioni di un membro del Cda della fondazione Città di Senigallia come richiesto dai consiglieri Davide Da Ros, Marcello Liverani, Silvia Tomassoni e Massimo Montesi (Fratelli d’Italia) che hanno chiesto anche cosa intenderà fare l’amministrazione Olivetti circa la digitalizzazione dell’attività dell’ente.

Tra le nomine in seno a varie realtà cittadine, si dovranno nominare invece i rappresentanti consiliari che faranno parte della commissione mense scolastiche, dell’osservatorio permanente sull’applicazione dell’imposta di soggiorno, della consulta del volontariato, della consulta comunale dei gemellaggi e delle relazioni europee, della consulta comunale per la cultura, della consulta dello sport, del comitato di gestione nidi d’infanzia comunali e la proposta di delibera sul rinnovo del consiglio di amministrazione della fondazione Città di Senigallia.

Il dibattito si prevede acceso per un ordine del giorno presentato da tutta l’opposizione, tranne Amo Senigallia, circa le dichiarazioni del vicesindaco e assessore alla cultura con cui si equiparava il covid-19 a «un’influenza che colpisce con una bassissima percentuale anziani e malati»
Dibattito in aula anche per la richiesta di revoca dell’incarico all’Avv. Alessandro Lucchetti e affidamento dell’incarico legale circa i fatti dell’alluvione del 2014 secondo quanto previsto dal regolamento comunale: l’atto è stato presentato dal capogruppo Forza Italia-Civici per Senigallia Luigi Rebecchini.

Infine tre mozioni dall’opposizione quasi totalmente unita (ormai c’è una specie di supergruppo composto da Partito Democratico, Vivi Senigallia, Vola Senigallia e Diritti al Futuro): si parlerà dell’adesione del Comune di Senigallia al progetto Bandiera Lilla sull’accessibilità del territorio comunale ai portatori di disabilità; del conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki, l’attivista e ricercatore egiziano incarcerato proprio un anno fa e del mantenimento del protocollo per l’interruzione volontaria di gravidanza nella Regione Marche (Circolare Ministero della Salute del 12/08/2020), su cui sono esplose tante polemiche e manifestazioni dopo le dichiarazioni dei rappresentanti regionali di centrodestra.