Gabinetto scientifico del liceo Perticari, martedì la presentazione del progetto di recupero

La proposta di valorizzazione dei reperti sarà sottoposta a giunta e consiglio comunale il prossimo 12 marzo nell'Aula Magna dell'Istituto senigalliese. Diverrà un museo didattico interattivo di storia della scienza

SENIGALLIA – Martedì 12 marzo, alle ore 12 nell’aula magna del liceo classico “G.Perticari” (sede di via Rossini) si svolgerà la presentazione alla giunta e al consiglio comunale del progetto di recupero e valorizzazione del Gabinetto scientifico del Liceo.

Si tratta del progetto finanziato con i fondi PON FSE con cui si vuole tutelare e valorizzare, rendendolo in futuro finalmente fruibile, un bene storico e culturale di notevole interesse per la città: il Gabinetto di Scienze naturali e di Fisica fondato nel 1861 proprio a palazzo Gherardi, ex sede dell’allora Regio Ginnasio Pio IX. Il suo primo curatore fu l’insegnante di fisica, chimica e storia naturale, il nobile Rinaldo Boccolari (Modena 1824-1908), che nel 1876 fu elogiato dal giovane ispettore Giosuè Carducci, per competenza e professionalità.

Dalla tavola riassuntiva di un inventario dell’anno 1882 risultano catalogati ben 2.151 oggetti fra minerali, uccelli imbalsamati, fossili, nidi, reperti botanici e anatomici. L’annuario dell’anno scolastico 1922-23 ricorda anche la serie di invertebrati acquistata dall’acquario di Napoli, un grande microscopio e un apparecchio a proiezione fissa. Il gabinetto di fisica, inoltre, possedeva più di 200 strumenti meccanici e per esperimenti di acustica, calore e ottica, più le macchine elettriche acquisite dalle Officine Galileo di Firenze. Ricerche d’archivio ancora in corso hanno consentito di accertare la presenza di apparecchiature scientifiche e di reperti naturalistici anteriori al 1860, anno di fondazione.
Proprio la conservazione di beni storici così importanti, sia per il loro valore intrinseco sia per la didattica, è stata al centro di alcuni sopralluoghi da parte di tre consiglieri comunali d’opposizione a cui sono seguite polemiche per una protezione da polveri e altri agenti decisamente non adeguata.

Ma oltre all’aspetto storico, c’è un altro obiettivo che si può realizzare tramite questo progetto dal titolo “Dal Gabinetto scientifico al museo didattico interattivo”: il museo didattico interattivo di storia della scienza non solo verrà inserito nel circuito museale cittadino, ma sarà anche una specie di “impresa” didattica gestita dagli studenti stessi del Perticari, rivolta ai coetanei delle altre scolaresche ma anche a tutta la cittadinanza.

Tra i partner ci sono anche l’Università degli Studi di Camerino, l’associazione Next di Senigallia, l’istituto comprensivo “Senigallia Centro – Fagnani”, l’assessorato alla cultura del Comune di Senigallia, il FAI e Italia Nostra.