Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Finisce l’era del Civ Superbike per Simone Saltarelli, ora pronto per il National Trophy 1000

«Quest'anno non sono arrivati i risultati attesi» ha dichiarato il pilota senigalliese che ora si cimenterà con il trofeo promosso dal Motoclub Spoleto

Simone Saltarelli è pronto per il National Trophy 1000
Simone Saltarelli è pronto per il National Trophy 1000

SENIGALLIA – Netto cambio a metà stagione per il noto pilota cittadino Simone Saltarelli. Finisce per lui l’esperienza al Campionato Italiano Velocità di Superbike. Volta pagina per gareggiare nel National Trophy 1000 con la Yamaha R1 del J.Angel Racing Team.

«Purtroppo al momento attuale – spiega il giovane pilota di Senigallia – se non disponi di un buon budget, che ti consente di utilizzare una moto molto competitiva, non puoi avere grandi ambizioni nel CIV Superbike. Nonostante l’impegno sia mio che del mio ex team, quest’anno i risultati non sono arrivati e questo ci ha un po’ demotivati. Da qui la decisione, presa di comune accordo, di prendere strade diverse. Non è mia abitudine cambiare team a metà stagione ma questa volta è stato meglio così per tutti».

Ora parte quindi la nuova avventura per Saltarelli: l’appuntamento è fissato all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola per il 23 e 24 giugno, quando scatterà il via al terzo round del National Trophy 1000.

Organizzato dal Motoclub Spoleto, attualmente è il trofeo di riferimento all’interno delle competizioni motociclistiche nazionali su pista. Il trofeo si svolge su 7 round nei più prestigiosi autodromi italiani.

Ripercorrendo un po’ di storia, la competizione nasce come trofeo Wilmer Marsigli, 18 edizioni, a cavallo tra gli anni ‘80/90 ed era riservato alle moto due tempi; poi cambia denominazione e anche range di attività, dedicando il nuovo National Trophy Marco Papa alle nuove e più performanti quattro tempi 600 cc e 1000 cc. Fino al 2012 mantiene tale nome per poi divenire solo “National Trophy”, una competizione con la formula vincente dei campionati aperti a tutte le moto e a tutti i piloti, nell’ottica della costante ricerca della riduzione dei costi. In cui si cimenterà anche Saltarelli dal 23 giugno prossimo.

«Per fortuna ho incontrato Marco Giovannangelo del J.Angel Racing Team, con il quale è stato molto facile trovare un accordo – continua Simone Saltarelli -. Siamo entrambi motivati dalla voglia di impegnarci per ottenere i migliori risultati possibili nel trofeo organizzato dal Moto Club Spoleto, dove la squadra ed il pilota fanno ancora la differenza. Abbiamo già svolto un test e devo dire che mi sono trovato subito bene, sia con il mio nuovo staff tecnico che con la moto. Certo non sarà per niente facile – conclude – perché quest’anno il livello nel National è davvero molto alto, con tanti piloti esperti, molti dei quali hanno gareggiato a livello internazionale. Ma proprio per questo non vedo l’ora di cimentarmi in questa eccitante sfida».