Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Ex asilo di via delle Mimose, arrivano altre critiche e un’interpellanza

Forti reazioni contrarie alla proposta urbanistica di Comune ed Erap: secondo il Gsa «Le decisioni sbagliate - continuano - possono essere cambiate» mentre dai consiglieri civici di Forza Italia arriva un atto per discuterne in aula, dirottando il progetto verso «un ostello della gioventù con aree sport libere immerso nel verde»

L'ex scuola dell'infanzia Mimose in degrado a Senigallia
L'ex asilo in via delle Mimose a Senigallia

SENIGALLIA – Dalle critiche verbali al progetto di edilizia residenziale pubblica al posto dell’ex asilo di via delle Mimose si passa ai fatti. Dopo la creazione del comitato “Salviamo gli alberi e la scuola di via delle Mimose”, anche il “GSA – Gruppo Società e Ambiente” di Senigallia interviene sul tema, mentre i consiglieri comunali di “Forza Italia – Civici per Senigallia” propongono una interpellanza sul progetto che viene definito senza mezzi termini «un orrore urbanistico evitabile».

La notizia che al posto dell’ex asilo di via delle Mimose sarebbe sorto un palazzo di 22 appartamenti da destinare all’edilizia residenziale pubblica in collaborazione con l’Erap Marche, ha dato il via ad alcune reazioni, anche se in realtà è “vecchia” almeno del 2017: il primo passo è stato compiuto dai cittadini stessi riunitisi in un comitato. Esplicito il nome, “Salviamo gli alberi e la scuola di via delle Mimose”, che rende bene l’idea dell’obiettivo preposto a cui sembra verrà data concretezza attraverso una raccolta firme. «Grazie alla cultura, sensibilità e lungimiranza dei nostri amministratori, verrà rasa al suolo un’isola verde inserita in un parco pubblico e a ridosso del centro cittadino, dove alberi giganteschi vecchi di 50 anni ospitano uccelli e scoiattoli; a suo tempo sede di una scuola materna e successivamente di un asilo nido. Perché non ripristinarli – si domandano dal comitato senigalliese – vista la notevole congruità del sito e la domanda sempre più pressante di tali strutture? Possiamo davvero consentire uno scempio di questo genere a favore di una ulteriore cementificazione, in un quartiere fiore all’occhiello di una urbanizzazione illuminata rispettosa dell’ambiente, della identità storica della città e delle qualità di vita del cittadino? Auspichiamo che qualunque operatore responsabile respinga tale progetto e  soprattutto che la politica dimostri finalmente di voler realmente salvaguardare il verde, l’ambiente e la scuola, che rappresentano il patrimonio universale di tutta la comunità». 

«Fino al 2018 il piano regolatore prevedeva la ristrutturazione dell’edificio a un solo piano con giardino che ospitava la piccola scuola; poi il Comune ha deciso di cambiare e prevedere invece il palazzone un palazzone di sei piani per 22 appartamenti o più» tuona il Gruppo Società & Ambiente in merito all’ex asilo di via delle Mimose, a Senigallia. «Le decisioni sbagliate – continuano – possono essere cambiate fino a che la realtà fattuale non lo renda impossibile. L’edilizia residenziale pubblica, certamente importante, può trovare diverse alternative non impattanti quale invece sarebbe questa di via delle Mimose».

L'ex asilo in via delle Mimose a Senigallia immerso nel verde. Foto del comitato “Salviamo gli alberi e la scuola di via delle Mimose”
L’ex asilo in via delle Mimose a Senigallia immerso nel verde. Foto del comitato “Salviamo gli alberi e la scuola di via delle Mimose”

Si rivolgono invece direttamente al sindaco, all’assessore all’urbanistica del Comune di Senigallia e al presidente del consiglio comunale i consiglieri di Forza Italia – Civici per Senigallia Roberto Paradisi e Luigi Rebecchini con l’interpellanza a risposta scritta in cui chiedono di ripensare il progetto. «Premesso che il progetto di edilizia sociale pensato e programmato (insieme ad Erap Marche) all’ex asilo di via delle Mimose di Senigallia rappresenta un orrore urbanistico evitabile, è possibile, senza rinunciare a proseguire nella strada della risposta alle politiche abitative, preservare le aree verdi senigalliesi». Dato che si è ancora fermi allo studio di fattibilità e dato che «l’area dell’ex asilo di via delle Mimose di Senigallia, dopo la dismissione della scuola nel 2012, rappresenta ancora oggi un polmone verde della città», i due consiglieri chiedono all’amministrazione di proporre «formalmente ad Erap Marche soluzioni alternative all’ex scuola delle Mimose e di avviare l’iter per uno studio di fattibilità per la realizzazione in via delle Mimose di un ostello della gioventù con aree sport libere immerso nel verde». Nella visione urbanistica di Paradisi e Rebecchini la città «deve dotarsi di nuovi parchi urbani e aree per l’infanzia con realizzazione di playground, aree sportive salutari per svolgere sport non agonistico all’aria aperta». E questa potrebbe essere l’occasione giusta per unire quelle politiche ambientali, giovanili e sportive di cui spesso si parla.