Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Esercizio fisico e prevenzione: ogni momento è buono per migliorare il nostro stile di vita

Svolto a Senigallia l'incontro voluto dal Rotary con il rettore dell'università di Urbino Vilberto Stocchi. Ricordate le vittime di Corinaldo a pochi giorni dalle iniziative "L8 per il futuro"

SENIGALLIA – Esercizio fisico, prevenzione delle malattie, qualità della vita. Sono stati questi i temi dell’incontro con il professor Vilberto Stocchi, rettore dell’università di Urbino “Carlo Bo”, e il Rotary club di Senigallia, in cui si sono anche ricordate le vittime di Corinaldo a un anno dalla tragedia della Lanterna Azzurra.

Il docente di biochimica dal 1993 – che ha all’attivo oltre 300 pubblicazioni su prestigiose riviste scientifiche internazionali e numerosi incarichi istituzionali accademici – ha ricordato che la prima pubblicazione sull’argomento risale addirittura al 1889 ma che solo a partire dal 1950 gli studi sulla materia diventano costanti, assodati e incidenti sulle scelte quotidiane di ognuno di noi. «Incontestabili evidenze scientifiche – ha spiegato Stocchi – dimostrano il beneficio dell’esercizio fisico sulla salute e come esso contribuisca alla prevenzione delle malattie favorendo una migliore qualità di vita».

Di contro siamo tutti naturalmente esposti a rischi per fattori non modificabili quali età, sesso e predisposizione familiare ma ogni momento è buono – ha tenuto a precisare il rettore dell’ateneo urbinate – per iniziare a modificare il nostro stile di vita. Un esercizio fisico regolare e costante influisce positivamente sulla prevenzione contro obesità, diabete di tipo 2, ipertensione, malattie polmonari, problemi cardiovascolari e neurologici nonché disturbi del sistema immunitario.

Un momento particolare dell’incontro è stato riservato al ricordo di Asia, Benedetta, Daniele, Eleonora, Emma e Mattia a un anno dalla tragedia della Lanterna Azzurra di Corinaldo. Presenti il sindaco Maurizio Mangialardi e l’assessore alla cultura Simonetta Bucari i quali hanno ribadito che spetta agli adulti garantire il diritto al divertimento consapevole dei giovani. All’iniziativa ha partecipato anche la presidente del Cogeu (Comitato Genitori Unitario) Luigina Bucci, la quale ha rimarcato che l’iniziativa “L8 per il futuro” che si è svolta nei giorni scorsi a Senigallia non era da considerare come una festa né tanto meno come una commemorazione ma come un progetto per trasformare un dolore condiviso in una speranza per la comunità.

Da sinistra il rettore Uniurb Vilberto Stocchi, il presidente Rotary Senigallia Massimo Spadoni Santinelli e la presidente del Cogeu Luigina Bucci
Da sinistra il rettore Uniurb Vilberto Stocchi, il presidente Rotary Senigallia Massimo Spadoni Santinelli e la presidente del Cogeu Luigina Bucci