Elezioni, Massimo Lorenzetti si candida a sindaco con “Armonia per Trecastelli”

L'avvocato 47enne ed ex primo cittadino di Castel Colonna prova a sfidare il Pd con una lista civica e un progetto per le tre municipalità. Non mette in discussione la fusione: «È sul prosieguo di questo progetto che non ho visto i risultati»

Massimo Lorenzetti
Massimo Lorenzetti

PER DOMANI MATTINA //// TRECASTELLI – Il primo a scoprire le carte è Massimo Lorenzetti. L’ex sindaco di Castel Colonna prima della fusione del 2014 oggi si candida per la poltrona di primo cittadino del Comune di Trecastelli in vista delle prossime elezioni del 26 maggio. Si presenta con una lista civica “Armonia per Trecastelli” e punta alla sfida con il Partito Democratico che ancora non ha svelato il nome di punta per il quinquennio 2019-2024.

Nato a Senigallia e residente fino a due anni fa proprio a Castel Colonna (ora a Ripe), l’avvocato 47enne spiega i motivi alla base della sua scelta di tornare nell’agone politico locale: Ho deciso di candidarmi dopo un’attenta e lunga riflessione – ha dichiarato Lorenzetti – e la mia scelta è intimamente legata al termine che connota il nome della lista che abbiamo creato: Armonia.

Trecastelli è un comune nato dalla fusione di 3 enti distinti: Ripe, Castel Colonna e Monterado, oggi “municipalità” della nuova città. «Una scelta che ho appoggiato a suo tempo quando ero sindaco proprio a Castel Colonna» spiega Lorenzetti che aveva lavorato fianco a fianco con il sindaco ieri di Ripe e oggi di Trecastelli Faustino Conigli, mentre a Monterado c’era Giovanni Diamantini. «Un passaggio che ancora oggi ritengo, in quella fase, obbligatorio e necessario, ma è sul prosieguo di questo progetto che non ho visto i risultati che molti cittadini come me attendevano».

Massimo Lorenzetti
Massimo Lorenzetti

Lorenzetti non mette in discussione la fusione in sé come scelta politica, ma come questa sia poi stata realizzata dal punto di vista programmatico e pratico in questi ultimi 5 anni. Il suo progetto guarda alla città come a un unico ente, che deve essere sviluppato in maniera appunto armonica, equilibrata ed imparziale. Dopo la sua costituzione e la “partenza” agevolata grazie a importanti contributi statali alle fusioni, la seconda fase ora per Trecastelli deve essere quella di sviluppare le peculiarità di queste tre aree urbane e rurali per «esaltare caratteristiche e tutelare le specificità da un lato, ma che allo stesso tempo dedichi risorse e attenzioni in maniera bilanciata ed obiettiva».

Il logo della lista civica Armonia per Trecastelli a sostegno del candidato sindaco Massimo Lorenzetti
Il logo della lista civica Armonia per Trecastelli a sostegno del candidato sindaco Massimo Lorenzetti

«Questa è la nostra linea, ovvero quella di proporre progetti che nella collaborazione abbiano il loro minimo comune denominatore e che puntino sempre e comunque ad un beneficio di cui equamente tutto il nostro territorio debba godere. Un processo più che necessario che metta la parola fine a questo momento che – conclude Lorenzetti – definisco di transizione e che possa realmente lanciare, nel prossimo quinquennio, l’area vasta di Trecastelli in una più armoniosa fase di coesione e sviluppo, portando a maturazione definitiva la fusione del 2014».

 

LEGGI ANCHE:
Dopo cinque anni dalla fusione, ecco com’è cambiata Trecastelli

Trecastelli al voto in primavera: parola a Nicola Peverelli