Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Edma Reti Gas dopo la truffa di Senigallia: «I nostri operatori non fanno interventi sulle caldaie e non chiedono mai soldi»

La truffa perpetrata alla cittadina raggirata da sedicenti operatori del gas intervenuti per un presunto malfunzionamento della caldaia sono l’occasione per fare chiarezza sulle modalità di intervento degli operatori di Edma Reti Gas

SENIGALLIA – Lo spiacevole caso della truffa alla cittadina di Senigallia raggirata da presunti operatori del gas intervenuti per un presunto malfunzionamento della caldaia sono l’occasione per fare chiarezza sulle modalità di intervento degli operatori di Edma Reti Gas che gestisce il servizio.

«Per prima cosa è importante chiarire che le nostre squadre di intervento non fanno alcun tipo di intervento sulle caldaie – spiega l’amministratore delegato Moreno Clementi – e che vengono a contatto con l’utente solo in due fattispecie specifiche: nel caso in cui la richiesta di intervento parta dall’utente attraverso la chiamata al numero 800978971 oppure per la sostituzione del contatore». «In quest’ultimo caso – spiega ancora – gli operatori delle ditte appaltatrici del servizio hanno una con sé una lettera intestata al destinatario nella quale viene spiegata la modalità di intervento ed hanno con sé un tesserino di riconoscimento. Il cittadino, per un’ulteriore verifica, può chiamare il numero 800978992, call center commerciale di Edma Rete Gas, chiedendo di avere certezza che è in atto la sostituzione del contatore nel suo domicilio».

In nessun caso tale personale è autorizzato ad interventi che prevedono un pagamento né in contanti né mediante strumenti elettronici. Sul territorio provinciale è in atto la sostituzione di moltissimi contatori. Circa 80mila sono già stati sostituti e circa 40mila lo saranno nei prossimi mesi.

«Per questo motivo abbiamo ritenuto ancora una volta fare chiarezza e illustrare, nello spirito di massima trasparenza, le modalità con le quali opera Edma Reti Gas» ha concluso Clementi.

© riproduzione riservata