Demolito o venduto per funzioni pubbliche: questo il futuro dello stabile del circolo del Vallone

Sulla vicenda c'è però l'incognita dei costi: Monachesi ammette in consiglio che appena si saprà il costo della demolizione l'amministrazione deciderà sul da farsi

Lo stabile al Vallone di Senigallia di cui è crollata parte del tetto
Lo stabile al Vallone di Senigallia di cui è crollata parte del tetto

SENIGALLIA – Durante il consiglio comunale è stato fatto un focus sullo stabile del circolo nella frazione del Vallone, dove si è verificato nel recente periodo pasquale un crollo parziale del tetto come si vede dalla foto.

A porre l’interrogazione è stato il consigliere comunale Riccardo Mandolini del Movimento 5 Stelle, il quale ha chiesto all’assessore alla manutenzione del territorio Enzo Monachesi quale sarà il futuro della struttura a fianco della scuola: struttura di cui già nel 2016 era stata paventata la demolizione proprio a causa della sua “vecchiaia”.

L’assessore Monachesi ha prima ricordato come negli ultimi anni l’azione sia stata un po’ limitata sullo stabile anche a causa delle risorse non disponibili per una demolizione. Ora però il crollo ha imposto un’accelerazione della risoluzione della vicenda sullo stabile che potrebbe essere demolito per far spazio a un parcheggio a servizio della comunità del Vallone.

Ma la demolizione non è l’unica soluzione, ammette Monachesi: è al vaglio dell’amministrazione comunale anche la possibilità dell’alienazione dell’immobile che dovrà comunque mantenere una sua funzione pubblica. In poche parole: o si farà spazio alle auto o si potrà vendere per essere rimesso in sicurezza e a servizio del Vallone, come circolo ricreativo o sociale.

Ma su tutta la questione c’è l’incognita dei costi: non appena si avrà un computo complessivo preciso dell’impegno che l’amministrazione dovrà assumere per la demolizione si potrà capire quale sarà il suo futuro.