Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Spaccio a Senigallia, arrestato il produttore e fornitore della droga

Le piante crescevano negli armadi dove aveva creato delle serre artigianali, poi le lasciava essiccare in altre stanze: gli agenti hanno trovato droga ovunque

I materiali per lo spaccio della droga sequestrati dalla Polizia a Senigallia
I materiali per lo spaccio della droga sequestrati dalla Polizia a Senigallia

SENIGALLIA – Ancora un arresto legato al mondo dello spaccio di droga. Stavolta è stato un senigalliese di 22 anni a finire in manette nella giornata di mercoledì 24 ottobre grazie a un’intensa attività del personale del Commissariato di polizia cittadino.

L’indagine ha preso avvio grazie ai precedenti servizi per contrastare lo spaccio in città: in tali occasioni gli agenti hanno sempre riscontrato una figura capace di fornire diversi quantitativi di stupefacenti a un buon numero di soggetti, a loro volta dediti allo spaccio nella piazza locale.

Pian piano il cerchio si è stretto attorno al giovane di origini pugliesi, da anni residente in città, che aveva allestito il kit per la coltivazione di stupefacenti, per lo più marijuana, nella propria abitazione.

I materiali sequestrati dalla Polizia a Senigallia
I materiali sequestrati dalla Polizia a Senigallia

Con la perquisizione gli agenti del Commissariato di Senigallia sono riusciti a trovare diversi armadi in cui il giovane aveva ricreato delle serre per la crescita delle piante e altri dispositivi per l’essicamento. In vari punti della casa sono stati trovati importanti quantitativi di marijuana e hashish, alcune centinaia di grammi. Alcuni involucri erano da 50 o 100 grammi per una successiva suddivisione, altri invece erano già pronti in dosi per lo spaccio al dettaglio.

I materiali sequestrati dalla Polizia a Senigallia
I materiali sequestrati dalla Polizia a Senigallia

Tutta la droga, i vari materiali e oltre 1000 euro in contanti sono stati posti sotto sequestro, mentre il giovane è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Il giudice del Tribunale di Ancona ha convalidato oggi l’arresto e sottoposto il responsabile alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.