Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia: truffa un seminarista fingendosi un primario, poi tenta lo stesso raggiro con una suora

Denunciato un 61enne proveniente dal trentino: dopo aver ingannato un religioso ha provato a ripetere la scena una seconda volta ma è stato scoperto e messo in fuga

I carabinieri di Senigalia
I carabinieri di Senigalia

SENIGALLIA – Prima truffa un religioso del seminario cittadino, poi tenta di fare lo stesso con una suora che però si insospettisce e segnala il tutto ai carabinieri. Così un 61enne trentino è finito nei guai domenica scorsa, 11 settembre.

Il primo episodio si è svolto ad agosto: l’uomo, attualmente domiciliato a Senigallia, si è recato al seminario vescovile di via Cellini per incontrare un religioso a cui ha prospettato la propria situazione di difficoltà finanziaria. Alla vittima del raggiro, il truffatore ha detto di essere un primario dell’ospedale cittadino ma di versare in cattive condizioni economiche: dall’incontro è riuscito a ottenere 150 euro. Successivamente il religioso, rendendosi conto di essere caduto nella trappola, ha sporto denuncia.

A incastrare il 61enne ci ha pensato una suora senigalliese che si è insospettita di un’analoga truffa che il malvivente voleva mettere a segno. Questi si è recato in un convento per chiedere dei soldi nonostante si spacciasse come primario del nosocomio cittadino, millantando difficoltà economiche anche per far fronte alle spese personali. La religiosa non si è fatta però convincere e ha segnalato il fatto ai carabinieri. 

I militari della Stazione di Senigallia hanno rintracciato l’uomo mentre cercava di allontanarsi e portato in caserma dove è stato riconosciuto dalla suora. Per lui è scattata la denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona come responsabile di entrambi gli episodi di truffa.