Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Polizia, controlli e denunce a Senigallia

Sorpresi nei pressi della stazione ferroviaria due uomini colpiti dal divieto di ritorno sulla spiaggia di velluto. Riflettori accesi su sale slot e night club

SENIGALLIA- Gli agenti del Commissariato di Senigallia, con l’ausilio di unità provenienti dal Reparto Prevenzione e Crimine di Perugia, coordinati dalla Questura di Ancona, hanno messo in atto, per l’intera settimana che volge al termine, delle attività dirette a prevenire  la commissione di reati ed anche per dare una immediata risposta da parte della Polizia ai recenti episodi di rapina che sono stati denunciati.

I servizi hanno impiegato 25 equipaggi ed oltre 50 poliziotti che hanno setacciato diverse zone della città con numerosi posti di controllo effettuati ed accertamenti estesi anche a numerosi locali pubblici. In tale attività sono state controllate 260 persone ed oltre 140 veicoli.

Nei pressi della stazione ferroviaria gli agenti hanno rintracciato un giovane nigeriano: si tratta di E.H. di anni 30, arrestato in passato per questioni attinenti agli stupefacenti e sottoposto alla misura del divieto di dimora nella provincia di Ancona. Nei suoi confronti è stata emessa una segnalazione al Tribunale competente.

Nel parterre della Rocca Roveresca è stato rintracciato un 60enne originario del pesarese, raggiunto dal provvedimento del Questore di divieto di ritorno nel comune di Senigallia per essersi reso responsabile di furti con destrezza, che è stato denunciato per inottemperanza del provvedimento.

Nei guai anche G.M. 45enne liberiano, che, nel corso di un controllo veniva trovato in possesso di un telefono cellulare risultato rubato poche ore prima a bordo di un terno in zona Fano. Il telefono è stato immediatamente restituito al legittimo proprietario.

Gli accertamenti hanno interessato anche 5 sale scommesse del territorio dove non sono state riscontrate irregolarità. Due i night club dove sono stati eseguiti accertamenti amministrativi al fine di verificare la regolarità dell’attività svolta specie sotto il profilo della pubblica sicurezza.