Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

A Senigallia comparsi i manifesti no vax e no green pass

Testi contro i vaccini e contro la somministrazione obbligatoria sono stati affissi in varie zone della città, anche sul muro di cinta dell'ospedale

A Senigallia sono comparsi manifesti no vax e no green pass
A Senigallia sono comparsi manifesti no vax e no green pass

SENIGALLIA – Manifesti no vax e no green pass sono apparsi affissi in alcune zone della città. Manifesti di notevoli dimensioni, difficili da non notare: uno è affisso lungo la statale Adriatica sud, uno addirittura sul muro di cinta dell’area ospedaliera, in via Po. 

I manifesti sono comparsi a Senigallia da un paio di giorni. Recitano: “Covid-19 Le verità da conoscere. Dal covid-19 si può guarire con cure domiciliari precoci e sicure. I vaccini anti covid-19 sono un esperimento di massa, non escludono l’infezione personale e la diffusione, possono causare eventi gravissimi e la morte. No!! A qualsiasi obbligo vaccinale e sperimentale!! La salute è da salvaguardare, non possiamo sperimentare perché non siamo cavie da laboratorio!! No green pass!!!! Realizzato con i contributi di Liberi Cittadini”.

Nette affermazioni dunque contro i vaccini – considerati da questi liberi cittadini e liberi pensatori – sperimentali e poco utili per fermare la pandemia ma altresì pericolosi per la salute umana. Da qui il “no” anche al green pass che tra pochi giorni entrerà in vigore anche in Italia. Nel testo però non vengono mai forniti riferimenti scientifici. 

I manifesti sono stati fotografati e postati anche sui social network come facebook dove è scoppiato il dibattito: tanti cittadini li vedono solo come una provocazione, mentre per altri un segnale della pericolosa deriva che sta prendendo la discussione sui vaccini. Pericolosa se non altro perché molto spesso si affida solo ad alcune voci senza citare fonti scientifiche autorevoli e perché rischia, non tanto di mettere in discussione quanto deciso finora, ma di vanificare gli sforzi fatti e le vaccinazioni già somministrate.