Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Il Covid fa ancora paura: si aggrava la situazione a Serra de’ Conti

Nuovo intervento della sindaca di Serra de’ Conti, Letizia Perticaroli, dopo la notizia di una vittima tra i tre ricoverati dei giorni scorsi. E due associazioni chiudono per alcuni giorni gli spazi ricreativi: «Esempio di civismo»

Letizia Perticaroli
Letizia Perticaroli

SERRA DE’ CONTI – Dopo gli ultimi casi di positività al covid e dopo un nuovo appello alla cittadinanza, la sindaca di Serra de’ Conti Letizia Perticaroli torna a parlare di responsabilità ai propri concittadini. E lo fa citando gli esempi di due associazioni del paese che hanno accolto la proposta dell’amministrazione comunale di chiudere per sette giorni i propri spazi ricreativi in modo da non aggravare la situazione.

Quello di Serra de’ Conti è un piccolo “caso” nella provincia di Ancona, per numero di positivi e quarantene (in rapporto alla popolazione) e per numero di vaccinati. Troppi i primi, troppo pochi i secondi. Nelle ultime settimane si sono verificati gli episodi dei tre anziani ricoverati in ospedale per i sintomi covid (e con gli accertamenti sono arrivate la conferma e il trasferimento nei poli di Fermo e Pesaro) e poi della quarantena di una classe della primaria hanno fatto scattare nuovamente l’allarme in paese. Martedì 26 ottobre, uno dei ricoverati è deceduto nonostante avesse completato il ciclo di due dosi di vaccino: era in attesa della terza. Altra vittima anche in Arcevia.

Da qui il nuovo intervento della sindaca di Serra de’ Conti, Letizia Perticaroli: dopo un confronto con la Bocciofila S.D. e con il centro sociale L’Incontro, ha chiesto e ottenuto che le due associazioni che si rivolgono ai non più giovani rimangano chiuse per alcuni giorni.

«Oggi, troppo spesso, decliniamo il senso di responsabilità ad una sorta di relativismo etico. In nome della libertà individuale tutti ci facciamo portatori di diritti e non di doveri. A Serra de’ Conti due associazioni, con grande senso di responsabilità, hanno aderito alla proposta di chiusura temporanea, da oggi (27 ottobre, Ndr) fino al 3 novembre, delle loro strutture ricreative». 

Sempre la sindaca ha reso noto che «i soci delle due associazioni sono stati e sono molto ligi nel rispettare e nel far rispettare le regole. Gli stessi soci ribadiscono che si può entrare nelle strutture soltanto se muniti di green pass valido, che provvedono a sanificare i luoghi dopo l’uso, che ovunque dispongono di disinfettanti per la sanificazione delle mani…  Si attengono al rispetto delle regole perché la loro volontà è quella di evitare al Covid – 19 di poter trovare il luogo idoneo alla propagazione». Cosa purtroppo non sufficiente, come gli ultimi accadimenti hanno dimostrato, a debellare il coronavirus, anche se necessaria per ridurne la circolazione.

«Il senso di responsabilità che anima i soci delle due associazioni è encomiabile – continua Perticaroli – Il sindaco li ringrazia per la serietà e questo grande spirito di solidarietà che muove ogni loro azione. Ancora una volta la “generazione dei non più giovani” dà una lezione di civismo a tutta la comunità di Serra de’ Conti».