Corinaldo rievoca la contesa del Pozzo della Polenta

Due giorni di sfide tra i rioni, di cortei con decine di figuranti in costume, spettacoli di sbandieratori, musici e artisti di strada e taverne a tema per ricordare l'assedio del 1517

La rievocazione storica della contesa del Pozzo della Polenta, a Corinaldo
La rievocazione storica della contesa del Pozzo della Polenta, a Corinaldo

CORINALDO – Tutto pronto per la rievocazione storica più antica della provincia di Ancona nel borgo gorettiano di Corinaldo. Il 13 e 14 luglio infatti si terrà la contesa del pozzo della polenta, la manifestazione in costume per ricordare il lungo assedio del 1517 a cui la città resistette con esito positivo. Due giorni di palio tra i rioni a cui si aggiungono numerosi altri eventi.

Organizzata da varie associazioni del paese, la 41esima contesa del Pozzo della Polenta vede infatti insieme l’Amministrazione comunale, l’Associazione Pozzo della Polenta, il Gruppo Storico Combusta Revixi, la Pro Loco, il Gruppo Alfieri e Musici Araba Fenice, la Parrocchia di S.Pietro Apostolo e l’Acli di Madonna del Piano: ogni realtà dà un contributo per la riuscita di una manifestazione nata nell’estate del 1978, quasi per gioco.

Tornando però al presente, per la conquista del palio saranno in competizione quattro rioni ma, oltre alle gare, ci saranno giochi, spettacoli di sbandieratori, danze rinascimentali e sfide tra arcieri, saltimbanchi, trampolieri, giullari, cartomanti, chiromanti, giochi per bambini e artisti di strada, per finire poi con i fuochi d’artificio e con lo sparo del celebre cannone di fico.

Ad accompagnare i visitatori, poi, tanti figuranti in costume e taverne aperte con menu a tema, ovviamente a base di polenta per ricordare quell’episodio della caduta del sacco di farina nel pozzo situato lungo la piaggia. Ingresso libero. Il programma della due giorni è disponibile su www.pozzodellapolenta.it.