Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Corinaldo, maggioranza e opposizione unite nella battaglia al coronavirus

Nuovo appello alla comunità da parte del sindaco Matteo Principi, del capogruppo di minoranza Luciano Galeotti e del consigliere Giacomo Anibaldi Ranco. «Andrà tutto bene? Sì se seguiamo le regole»

Gli esponenti politici di Corinaldo. Da sinistra: Luciano Galeotti, Matteo Principi e Giacomo Anibaldi Ranco
Gli esponenti politici di Corinaldo. Da sinistra: Luciano Galeotti, Matteo Principi e Giacomo Anibaldi Ranco

CORINALDO – Un nuovo appello al rispetto delle norme imposte dall’emergenza coronavirus è stato lanciato dal sindaco, Matteo Principi, dal capogruppo di maggioranza Giacomo Anibaldi Ranco e dal capogruppo di minoranza Luciano Galeotti. Un messaggio alla comunità di Corinaldo in cui si parla di unità politica nell’affrontare questa battaglia, di solidarietà verso i cittadini più esposti, di collaborazione per superare questi difficili momenti.

L’amministrazione ha voluto ribadire così alcuni principi chiave di queste settimane che si vivono dentro casa: non un gioco ma una vera prova di forza per la comunità a cui va il massimo supporto dell’intera rappresentanza consiliare. E lo dimostra il fatto che vengono meno le divergenze tra maggioranza e opposizione in momenti come questi: «Serve condivisione e collaborazione da parte di tutti – ha affermato il primo cittadino di Corinaldo Matteo Principi – per superare il momento che stiamo affrontando a testa alta. Abbiamo messo a disposizione della comunità una serie di provvedimenti che, oltre a quelli nazionali e regionali, vanno incontro alle esigenze della popolazione, per permettere a tutti di uscire da questa situazione il più in fretta possibile».

Il capogruppo di minoranza, Luciano Galeotti, ha richiamato nel suo messaggio la Costituzione italiana e le libertà individuali: «Oggi siamo in una situazione paragonabile a uno stato di guerra e ci viene chiesto di limitare la libertà personale per salvaguardare la vita agli altri. Medici, infermieri e personale sanitario sono esposti in prima linea, combattono per riconquistare questa libertà personale».

Anche dal capogruppo di maggioranza Giacomo Anibaldi Ranco è arrivato l’appello al rispetto delle norme: limitare gli spostamenti e rimanere in casa può significare salvaguardare la vita dell’intera comunità, «soprattutto di coloro che devono per forza lavorare per garantire i servizi e beni di prima necessità». Ma oltre all’appello, fornisce anche qualche consiglio ai cittadini di Corinaldo: «Sfruttiamo questo momento per riscoprire valori della famiglia, ampliare le conoscenze magari leggendo un libro, cucinare insieme o fare attività fisica all’interno anziché all’esterno. Andrà tutto bene? Sì è vero, ma solo se sapremo rispettare le regole che ci hanno richiesto di seguire».