Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Controlli rafforzati per il weekend: raffica di sanzioni covid a Senigallia e dintorni

I militari della compagnia senigalliese hanno fermato numerosi mezzi e identificato varie persone. Tra le violazioni l'uso della mascherina, l'orario del coprifuoco, il divieto degli spostamenti

L'intervento dei carabinieri di Senigallia (foto di repertorio)
L'intervento dei carabinieri di Senigallia (foto di repertorio)

SENIGALLIA – I numerosi controlli per prevenire il diffondersi ulteriore dei contagi da covid-19 hanno portato negli ultimi giorni a una raffica di sanzioni. Ben 15 solo quelle elevate dai Carabinieri della compagnia senigalliese tra giovedì 25 e ieri, domenica 28 febbraio, che hanno interessato sia la spiaggia di velluto che alcuni comuni limitrofi.

Proprio giovedì sono state pizzicate senza mascherina quattro persone: tre erano a Montemarciano sedute nei sedili anteriori dello stesso veicolo, mentre una è stata fermata a Senigallia. Il giorno dopo, sempre nel comune rivierasco, è stata fermata a una persona proveniente da fuori comune, violando quindi il divieto di spostamento tra città proprio delle zone arancioni.

Anche la giornata e la serata di sabato 27 febbraio sono state impegnative per i militari della compagnia senigalliese, intervenuti con una raffica di sanzioni prima nei confronti di quattro cittadini che si trovavano a Senigallia ma provenivano da fuori comune; poi a Trecastelli, dove è stato accertato che quattro giovani erano in giro oltre l’orario imposto dal coprifuoco.

Ieri, domenica 28, oltre a multare una persona a Senigallia che non aveva con sé la mascherina, è stato fermato a Montemarciano un uomo a bordo di un mezzo: era residente a Castelbellino e quindi è stata elevata la sanzione da 400 euro. Ma dato il suo strano comportamento, i militari hanno pensato di sottoporlo all’etilometro. Positivo l’esito: è risultato aver bevuto troppo motivo motivo per cui è scattata la denuncia a piede libero. Al cittadino di nazionalità rumena classe ’89 è stata anche ritirata la patente per il provvedimento della sospensione.