Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Congresso Anpi Senigallia: direttivo confermato e sezione intitolata a due partigiani

La realtà cittadina omaggia i “suoi” partigiani Giulia Giuliani e Luigi Olivi, mentre Nibbio Greganti è il nuovo presidente onorario. Leonardo Giacomini: «Al lavoro per un’alleanza antifascista»

Svolto il congresso della sezione Anpi di Senigallia
Svolto il congresso della sezione Anpi di Senigallia

SENIGALLIA – Confermato alla guida della sezione locale dell’Anpi l’attuale direttivo presieduto da Leonardo Giacomini. La scelta di continuare con il lavoro svolto è arrivata sabato 20 novembre in occasione del congresso cittadino, che ha visto ospiti la segretaria regionale della Cgil Marche Daniela Barbaresi e il presidente provinciale dell’ANPI Daniele Fancello, alla presenza di una folta rappresentanza di iscritti e i simpatizzanti Anpi. Nella stessa riunione è stato approvato di intitolare la sezione cittadina a Giulia Giuliani e Luigi Olivi, mentre Nibbio Greganti è il nuovo presidente onorario.

Tanti i temi al centro dell’incontro: a relazionare sul lavoro svolto, sui progetti in corso e su quelli futuri ci ha pensato il presidente. Giacomini ha parlato di varie iniziative tra cui quelle per la giornata della memoria, i viaggi nei luoghi di alto valore storico e culturale come S.Anna di Stazzema o la casa dei fratelli Cervi, gli incontri con le scuole, le proiezioni cinematografiche e altri appuntamenti.

Il direttivo è anche al lavoro, come ha spiegato Giacomini alla folta assemblea di partecipanti, per dare concretezza alla proposta di un’alleanza tra associazioni, cittadini e forze democratiche. «Faremo una serie di incontri – ha dichiarato – con tutti i partiti di centrosinistra e non solo, ma soprattutto con le realtà associative sensibili a certi temi e ai principi costituzionali. Lo scopo è quello di costruire una grande forza antifascista, aperta a tutti, che possa unire e rilanciare quei valori di uguaglianza, democrazia e solidarietà di cui c’è davvero tanto bisogno».

Un lavoro apprezzato dall’assemblea che ha confermato il direttivo attuale, composto da Leonardo Giacomini, Paolo Fuligni, Ilaria Mauric, Roberto Mancini, Mabel Morri, Stefania Olivi, Manuela Bartolucci e Claudia Pallotta: cinque donne e tre uomini. Spetterà a loro, poi, stabilire i ruoli interni e saranno sempre loro i delegati al prossimo congresso provinciale del 16 gennaio 2022 dell’Anpi. Nell’occasione è stato individuato nuovo presidente onorario dell’Anpi senigalliese il 98enne partigiano Nibbio Greganti

Svolto il congresso della sezione Anpi di Senigallia
Svolto il congresso della sezione Anpi di Senigallia

Nel frattempo cresce la sezione cittadina Anpi, arrivata a quota 200 iscritti: una realtà importante nel territorio vallivo e non solo, complice anche la necessità di ribadire l’importanza una ferma opposizione alle correnti di destra che arrivano da più parti, a livello nazionale e locale. Sezione che è stata intitolata a Giulia Giuliani e Luigi Olivi.

Moglie del partigiano Domenico Torreggiani, Giulia Giuliani era scampata all’eccidio del Monte Sant’Angelo di Arcevia del maggio ‘44 in cui morirono decine di partigiani e civili. Venne arrestata dai tedeschi e condotta nelle carceri di Forlì, più volte torturata e minacciata di morte, ma si rifiutò di fornire il rifugio del proprio compagno e rivelare altre notizie sulla resistenza locale. Dal Ministero della Difesa per conto del Consiglio dei Ministri, aveva ricevuto il 3 agosto 2016 la medaglia di bronzo della Liberazione, per mano dell’allora sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi. E’ morta nel giugno 2017. 

Luigi Olivi, partigiano e memoria storica senigalliese della Resistenza, è stato presidente della sezione Anpi locale già dalla sua costituzione, nel maggio 2011, e fino alla sua scomparsa avvenuta nell’ottobre 2015. L’ex presidente fu da giovane una staffetta partigiana, chiamata a svolgere la fondamentale funzione di collegamento tra i vari gruppi della valle del Misa. Dopo l’agosto ‘44, fu componente del Comitato di liberazione di Senigallia, lavorando per aiutare la popolazione e per la ricostruzione anche materiale della città.

L’importante appuntamento dell’Anpi ha visto la partecipazione di Daniela Barbaresi e di Daniele Fancello: la segretaria regionale della Cgil Marche ha relazionato sui numerosi nodi del mondo del lavoro, tra cui la precarietà dei giovani, le diseguaglianze sociali che si generano, i carichi fiscali e contributivi, l’evasione da contrastare; il presidente provinciale Anpi Fancello ha invece parlato dell’importanza di avvicinare i giovani, di far comprendere loro ciò che è stato e ciò che potrebbe tornare, prendendo come esempio anche un protocollo siglato tra l’Anpi nazionale e il Ministero dell’istruzione, oltre a congratularsi con il lavoro svolto dal direttivo appena riconfermato.