Commercio ambulante: primo maxi sequestro dell’estate sulla spiaggia di velluto

Occhiali, borse, cappelli e altri oggetti sono stati rinvenuti in un appartamento dove dormivano anche 30 persone, tutte provenienti dal Bangladesh

Gli oggetti posti sotto sequestro dalla Polizia di Senigallia
Gli oggetti posti sotto sequestro dalla Polizia di Senigallia

SENIGALLIA – Primo maxi rinvenimento e sequestro sulla spiaggia di velluto di oggetti destinati al commercio ambulante. Migliaia di occhiali, borse, cappelli, ombrelli, giochi per bambini sono stati rinvenuti dagli agenti del Commissariato in un appartamento dove dormivano anche 30 persone.

Il controllo è scattato dopo aver notato – all’inizio dell’estate – una presenza già cospicua di persone dedite al commercio ambulante sul litorale senigalliese. Gli agenti si sono concentrati dunque su un immobile risultato essere a disposizione di soggetti di origine bengalese.

All’interno dell’abitazione, dove erano presenti circa 30 letti per la notte, sono stati rinvenuti 13 persone regolarmente presenti sul territorio nazionale. In uno spazio comune, però, sono stati trovati – e successivamente posti sotto sequestro – diversi sacchi con centinaia e centinaia di oggetti destinati alla vendita ambulante in spiaggia.

Quasi mille occhiali, borse mare, fasce, ombrelli e mini ombrelli, centinaia di bandane, braccialetti e cappelli, palloncini colorati e giochi destinati a bambini – non appartenenti ad alcuno dei soggetti trovati all’interno dell’abitazione e verosimilmente un approvvigionamento per tutta la stagione estiva – sono divenuti oggetti di sequestro poiché privi di marchiatura CE e quindi potenzialmente pericolosi.

Analoghe operazioni di contrasto all’abusivismo commerciale e di sequestro saranno effettuate durante la stagione estiva appena iniziata.