Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, casette di Natale e pista di ghiaccio fanno sloggiare il mercato da piazza Garibaldi

Trasloco forzato in via Portici Ercolani, piazza Simoncelli e piazza Manni per consentire gli eventi natalizi del villaggio allestito per le feste 2021

Le casette per i mercatini e il villaggio di natale allestito in piazza Garibaldi, a Senigallia
Le casette per i mercatini e il villaggio di natale allestito in piazza Garibaldi, a Senigallia

SENIGALLIA – Allestito il villaggio natalizio in piazza Garibaldi, una delle “novità” di queste feste 2021. Sotto il cielo stellato – ormai una conferma dato l’alto gradimento riscosso persino sui social dove ogni anno abbondando i selfie con il suggestivo scenario alle spalle – sono state posizionate le casette che ospiteranno i mercatini di natale mentre sono a buon punto anche i lavori per la pista di ghiaccio.

Non sarà questa l’unica novità del pacchetto natalizio approvato dalla giunta con uno stanziamento da circa 80 mila euro, tra luminarie, installazioni ed eventi, ma rappresenta quella più importante. La piazza, che tradizionalmente ospita il mercato cittadino del giovedì, vede sloggiare le bancarelle: da oggi e fino al 6 gennaio compreso sarà il lungofiume a essere il fulcro del commercio senigalliese.

Uno spostamento temporaneo dunque lungo via Portici Ercolani, piazza Manni e Simoncellidi cui non si poteva fare a meno. Solo una parte degli operatori economici del suddetto mercato del giovedì potrà rimanere in piazza Garibaldi, circondata quest’anno anche dai cantieri per i rifacimenti delle facciate del duomo e della diocesi senigalliese, del palazzo della Filanda e della scuola Fagnani. L’iniziativa è stata presa dall’amministrazione comunale che ha ascoltato le richieste degli esercenti del giovedì: da tempo chiedevano una collocazione alternativa che fosse stabilita con anticipo: a ogni evento – da occasionali lavori alle manifestazioni – che ha sede in piazza Garibaldi, le bancarelle devono sloggiare; comprensibile ma gli operatori ambulanti chiedevano di conoscere prima, e senza continui cambiamenti, la loro destinazione alternativa.

Il servizio di tamponi “drive through” allestito dall’Asur al parcheggio dello stadio comunale Bianchelli di Senigallia

A partire da oggi, 2 dicembre 2021, e fino al 6 gennaio 2022, i banchi del mercato settimanale del giovedì di piazza Garibaldi, saranno temporaneamente trasferiti in via Portici Ercolani, ma anche in piazza Simoncelli e piazza Manni per consentire lo svolgimento degli eventi e delle manifestazioni natalizie. Il trasloco forzato interesserà anche le domeniche di mercato straordinario previsto nelle giornate del 12 e 19 dicembre, come si legge nell’ordinanza n. 537/2021. 

Il testo prevede il divieto di sosta, con rimozione coatta dei veicoli in difetto, in via Portici Ercolani, da via delle Caserme a via Manni; in via Testaferrata, da via Armellini a via dei Portici Ercolani; in piazza Garibaldi, da via Testaferrata a via Cavallotti; in via Cavallotti, da via Portici Ercolani a piazza Garibaldi; in tutta piazza Simoncelli; in via Manni e in via Perilli. Come d’estate quando c’è la fiera cittadina di Sant’Agostino, anche se in miniatura. Le vie diventeranno pedonali.

Vietato dunque l’accesso in centro storico con l’auto ad eccezione di alcune situazioni particolari (mezzi di soccorso, residenti, veicoli a servizio di disabili muniti di contrassegno, mezzi per lo carico/scarico a servizio delle attività commerciali, i), sia dall’accesso dalla Statale verso i Portici, sia da via Pisacane. Rimane invece disponibile, ma solo per attraversare la zona antica di Senigallia, l’accesso da ponte Garibaldi verso via delle Caserme poi via Cavallotti e infine viale Leopardi.

Disagi saranno possibili, anzi, quasi sicuri, sia per il traffico veicolare che per la sosta, dato che i parcheggi lungofiume e in piazza Simoncelli sono stati soppressi proprio per il trasloco del mercato previsto dal pacchetto di iniziative natalizie. Nemmeno il parcheggio dell’antistadio del Bianchelli sarà a disposizione della cittadinanza: vi è stato posizionato il centro mobile per i tamponi a servizio dell’Asur. Nonostante oltre la metà degli stalli non venga occupato dai mezzi sanitari né dalle persone in coda per il tampone, non verranno usati per la sosta.