Caserma invenduta, la Provincia la cede a Invimit

I 710 mila euro ricavati dalla vendita saranno reinvestiti nell'edilizia scolastica. A frenare gli acquirenti, sono stati probabilmente i vincoli legati all'immobile

SENIGALLIA- Asta ancora deserta per la caserma dei carabinieri di via Marchetti. L’immobile, di proprietà della Provincia, sarà ceduto ad Invimit, una società il cui capitale è interamente detenuto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che pagherà la caserma 710 mila euro. Nessun pericolo di trasloco per i militari che potranno restare nell’immobile.

«L’immobile sarà ceduto ad Invimit, il percorso era già programmato in quanto la società ha firmato un protocollo con il Ministero per l’acquisizione di caserme e prefettura – spiega Liana Serrani, presidente della Provincia di Ancona – Il ricavato, di 710 mila euro, sarà devoluto all’edilizia scolastica. Per la Provincia è stata un’ottima operazione, in quanto la cessione è un modo per eliminare i costi di manutenzione che altrimenti dovrebbero essere sottratti ad altri settori ed inoltre, il ricavato potrà essere reinvestito»

A frenare gli acquirenti, sono stati probabilmente i vincoli legati all’immobile che prevedono: la locazione con l’arma scade a giugno 2018, con rinnovo a giugno 2024. Altri vincoli derivano anche dal piano particolareggiato del centro storico e dalla possibilità, com’era anche segnalato sul bando, che nel sottosuolo possano trovarsi “precedenti strutture”, che potrebbero avere natura archeologica.