Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Senigallia, la capannina degli Amici del Molo diventa un modellino Lego

Il vicepresidente Paolini: «Preservare anche con i materiali ludici la memoria storica di ciò che è stato», in attesa della riqualificazione

Senigallia, la capannina degli Amici del Molo diventa un modellino Lego grazie all'idea del vicepresidente Simone Paolini
Senigallia, la capannina degli Amici del Molo diventa un modellino Lego grazie all'idea del vicepresidente Simone Paolini

SENIGALLIA – In attesa che venga riqualificata, la sede degli Amici del Molo diventa un modellino della Lego. Stavolta però l’azienda danese non c’entra: l’idea di riprodurre la nota capannina senigalliese con i mattoncini e materiali della Lego è venuta al socio nonché vicepresidente Simone Paolini.

«Nel 2018 – spiega – c’era il progetto con una classe dell’istituto geometri Corinaldesi di fare un modellino della struttura al porto di Senigallia in cui si riuniscono gli Amici del Molo. Lo scopo era quello di creare qualcosa che potesse rimanere per un domani, quando verrà ricostruita la sede dato che quell’attuale è un po’ vecchiotta: risale al periodo della ex Italcementi la parte in muratura mentre la veranda è stata aggiunta negli anni ‘80. Del progetto del 2018 però non se ne fece più nulla ma l’idea mi era rimasta in testa, così ho deciso di pensarci io».

«Assieme a mio figlio – continua Paolini – ho realizzato questa riproduzione con i materiali della Lego per farne quel modellino che un giorno porteremo nella nuova struttura, quando si farà». Purtroppo al momento è ferma al palo la riqualificazione della sede della “Fratellanza degli Amici del Molo”,  fondata ufficialmente nel 1982 e divenuta più recentemente associazione culturale.

«Non so perché sia fermo il progetto – spiega ancora il vicepresidente – ma se ne parla da diversi anni. L’idea della precedente giunta era quella di costruire una nuova sede, più adatta anche alle esigenze che abbiamo oggigiorno, davanti i locali della capitaneria di porto». Della “Casa da mare” era stato già redatto il progetto dallo studio architettonico CpiùA. Ora la nuova amministrazione dovrebbe proseguire in quel percorso ma si è in cerca di finanziamenti europei tramite il Gac, il gruppo di azione costiera Marche nord, e intanto si è svolto un primo incontro conoscitivo con i nuovi amministratori, in particolare con l’assessore all’ambiente Elena Campagnolo.

Il progetto Casa da Mare per il porto di Senigallia
Il progetto Casa da Mare per il porto di Senigallia

Nel frattempo la fratellanza degli Amici del Molo, che conta oltre 40 soci, ha dovuto fermare, causa pandemia, le attività con le scuole di Senigallia per promuovere la storia della città, il suo rapporto con il mare e la cultura marinaresca che ancora oggi sopravvive, seppur tra mille difficoltà. Ma non ha smesso di immaginare di poter allestire ancora una volta la festa annuale con degustazione di sardoncini scottadito, offerti a tutti i cittadini: quelli veri, però, pescati nel mare davanti la città, non certo di Lego.