Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Cambio viabilità, l’opposizione di Corinaldo chiede la revoca della delibera

La sperimentazione non convince diversi cittadini né la minoranza: troppi errori secondo il capogruppo Galeotti alla base di un atto formalizzato senza consultare la cittadinanza. Avviata una raccolta firme

CORINALDO – Si terrà mercoledì 4 dicembre (ore 21, sala “Ciani” del Comune) l’incontro con la cittadinanza per parlare della nuova viabilità che sta suscitando tante polemiche in paese. L’iniziativa dell’amministrazione comunale è stata presa con l’obiettivo ridurre il traffico nel centro storico.

Per tale scopo, l’amministrazione ha predisposto da alcuni giorni, all’intersezione di via Borgo di Sopra con viale Degli Eroi, l’obbligo di svoltare a sinistra, in viale Degli Eroi verso il centro storico o a destra, verso via Rocconi. Verrà quindi preclusa la possibilità di proseguire verso nord su viale Degli Eroi, disincentivando così l’utilizzo di queste due vie per il mero superamento verso nord del borgo.

Dal canto suo l’amministrazione targata Principi ha reso noto che si tratta di un provvedimento (adottato con delibera G.M. n.89 del 10 ottobre 2019) in fase sperimentale, di un’evoluzione del sistema di viabilità del borgo per liberare il centro storico dalle auto. Provvedimento però non gradito dalla popolazione che molto frequentemente usava tale via per superare il borgo e accedere alla zona nord. Qualche cittadino si è armato di fogli e penne per raccogliere le firme – in pochi giorni hanno firmato alcune centinaia di persone – perché venga ripristinata la situazione precedente.

Tra i contrari alla nuova viabilità c’è anche il capogruppo di minoranza consiliare Luciano Galeotti. Oltre a sottolineare i vizi di forma dell’atto dove non sono specificati i termini di questa sperimentazione, la mancata comunicazione preventiva alla città e l’inadeguata installazione dei new jersey, il consigliere Galeotti chiede che la delibera venga revocata, che la giunta di Corinaldo informi i consiglieri comunali e che dialoghi con la cittadinanza su ogni tematica che la coinvolge direttamente.